Ratzinger, così se ne va un Papa

Spread the love

Non ha mai amato il troppo baccano. E in silenzio ha deciso di andarsene, a poco a poco. Joseph Ratzinger è l’uomo che si è dimesso da Papa, non da uomo di fede. Per questo descrive “quest’ultimo pezzo di strada” come un “pellegrinaggio verso Casa“, sicuro com’è che la fine dei suoi giorni in Terra è vicina, ma solo quella, appunto.

Indirizza al Corriere della Sera poche righe. La firma in calce è minuscola. Scrive ormai poco l’uomo che fu Benedetto XVI: non riesce, e di questo soffre. Ha dovuto arrendersi, non senza un’ombra di fastidio, al tempo che passa. Ha rinunciato ad elaborare quelle riflessioni di teologia che per anni hanno illuminato il sentiero della Chiesa. Non ne ha più la forza. Lo ha ammesso con il candore tipico della veste papale, sottolineando il “lento scemare delle forze fisiche“. Una conferma delle motivazioni che l’11 febbraio 2013 lo portarono a sconvolgere il mondo, affermando di essere pervenuto “alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino“.

Era l’addio al Pontificato, l’uscita di scena silenziosa di un uomo che fino a quel momento aveva pagato – agli occhi della folla – l’essere venuto dopo Giovanni Paolo II. Non è stato un Papa social, Benedetto. Non aveva il carisma di Wojtyla, e neanche la simpatia spontanea di Bergoglio. Ma è stato un Pontefice coraggioso. Ad Auschwitz, il luogo della vergogna nazista, questo Papa tedesco ha scelto di recarsi chiedendo:”Dov’era Dio? Perché ha taciuto?“, prima di invocare il perdono.

Così, con coraggio e dignità, in silenzio e compostezza, si accinge a compiere ques’ultimo tratto di strada. Non è mai stato un debole, Joseph Ratzinger. Così se ne va un Papa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.