Guerra in Siria: brillava una cometa nel cielo

Spread the love

 

Squarcia la notte una luce nel cielo di Damasco. E non è una cometa, una stella cadente che dona speranza. Piuttosto è portatrice di morte e distruzione. E’ arrivata la guerra in Siria. Anzi, forse c’è sempre stata.

Proprio quando sembrava scampato il pericolo, quando retroscena ben informati parlavano di un tempo lungo per venire a capo della crisi, gli Usa e gli Alleati bombardano Damasco. Un memento volto a ricordare che Trump non è Obama: c’è una linea rossa e non si può varcare.

Nel mirino dei 120 missili che piovono dal cielo ci sono le fabbriche di armi chimiche. Ma nella notte di Damasco che serve a punire Assad il dittatore viene colpito pure qualche civile. La morte porta sempre altra morte. Così fanno paura le parole di Putin, il leader che avvisa che la Russia non starà a guardare. Il dubbio che siamo solo all’inizio.

Ma se questa parte del mondo si risveglia e apprende delle bombe in Siria. Da quell’altra parte il bombardamento c’è stato, invece.

Era una notte silenziosa, brillava una cometa nel cielo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.