5 consigli per chi farà opposizione

Spread the love

 

Il punto vero, quando nasce un nuovo governo, è che chi fa politica si divide in due grandi categorie: chi comanda e chi no.

E chi sta all’opposizione, di solito – detto molto chiaramente – “rosica”.

Facciamo l’esempio del Partito Democratico. Dopo aver governato gli ultimi 5 anni con Letta, Renzi e Gentiloni si può umanamente comprendere una certa dose di sconvolgimento e resistenza alla prospettiva che adesso a dare le carte siano due “non propriamente statisti” come Di Maio e Salvini.

Lo stesso si può dire per Forza Italia, che per la prima volta nella sua storia è stata superata all’interno del centrodestra da un alleato della coalizione, dal quale peraltro – a meno che Berlusconi non decida di smarcarsi da Salvini al più presto – rischia di essere fagocitata.

Dunque, come si esce dall’angolo? Probabilmente applicando il buon senso, come in tutte le cose.

Un piccolo manuale per tornare al governo, 5 consigli da tenere bene a mente.

  1. Per il Pd: scegliere un leader. Ma che sia uno, però. Va bene la collegialità. Va bene la direzione nazionale, lo Statuto e anche l’Assemblea. Ma un capo serve. Scelto democraticamente, ovviamente. Ma che sia un capo.
  2. Per Forza Italia: Berlusconi deve ripagare Salvini con la stessa moneta. Quando responsabilmente il Cavaliere appoggiò il governo Monti, la Lega se ne lavò le mani e fece un’opposizione spietata. Dal 4% è passata al 17%. La buona notizia è che Silvio deve ripartire dal 14%, o giù di lì.
  3. Non bisogna inseguire i populisti sul loro terreno. Saranno le loro stesse proposte irrealizzabili a chiarire quanto le hanno sparate grosse. Sull’immigrazione, ad esempio, Salvini si scontrerà presto con la realtà, capendo che la politica dei rimpatri si può attuare soltanto con accordi bilaterali coi Paesi di provenienza. E se alla fine si dimostrasse un ministro dell’Interno meno efficace di Minniti?
  4. Serietà e responsabilità. Devono essere queste le parole d’ordine di un’opposizione che pretenda di avere una qualsivoglia credibilità. Il terreno dello scontro con i nuovi leader non devono essere le dirette Facebook, non ci si confronta a colpi di cuoricini sui social, non si esce dall’aula del Parlamento per fare rumore. Tutto questo è teatro. Non politica.
  5. Tornate tra la gente. Ma davvero. Che non sia uno slogan, una frase fatta da ripetere per rubare un applauso in un talk-show. Usate un linguaggio chiaro, comprensibile a tutti, non solo a chi ha due lauree. Parlate al cuore delle persone, stringete mani. Siate onesti. Sinceri. Con loro e con voi stessi. Così, forse, tornerete al governo.

4 risposte a “5 consigli per chi farà opposizione”

  1. Condivido, soprattutto il quinto punto.Aggiungo che la base non vuole queste lotte interne al PD, ma confronto democratico e dopo tutti uniti a perseguire la linea che ne scaturisce, altrimenti ci si disorienta e il minimo che si può fare, non avendo fiducia in altri partiti, ci si allontana dalla politica e ci si astiene come ho fatto io nelle ultime elezioni.

  2. Bravo, condivido il tuo commento.
    Ci tengo a dire che io sono contento dell’attuale governo ma non capisco perché, soprattutto quelli di sinistra, continuano a portare avanti lo stesso tipo di atteggiamento che da anni fa guadagnare sempre più voti agli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.