5 domande per Luigi Di Maio

Spread the love

 

A meno di 24 ore dalle 5 domande a Matteo Salvini non ho ancora perso le speranze di ricevere risposta dal ministro dell’Interno. Però nel rischio mi porto avanti. E allora qualche domanda provo a farla a Luigi Di Maio. Chissà, magari è la volta buona che ci capiamo tutti qualcosa di più.

Caro ministro, da quando questo governo ha preso vita del M5s non c’è più traccia. Sparite le istanze grilline, defunta la partecipazione degli attivisti, seppellito lo strumento dell’uno vale uno. Questo è lo scotto del governo, si dirà. Ci sto. Ma un conto è prendere confidenza con le stanze del potere, un altro è lasciare fuori dalla porta sé stessi.

Domanda numero 1: Non crede che sia passato troppo poco tempo per consegnarsi alla Lega? Non pensa che diventare una costola di Salvini sia un tradimento ai milioni di elettori che a Lei hanno consegnato il 32% perché realizzasse il programma M5s?

Caro ministro, la anticipo. Lei potrebbe essere tentato dal rispondermi che questa legge elettorale studiata a tavolino per non far vincere il M5s vi ha costretti a trattare con la Lega. E dopotutto – potrebbe arrivare a dirmi – avete raggiunto un buon compromesso con Salvini. Eccetera, eccetera. Voglio dirle, però, che la gente comune non ha la sua stessa percezione. La Lega ha preso quasi la metà dei suoi voti. Eppure è apparso chiaro fin dall’inizio che questo è il “governo Salvini”.

Domanda numero 2: Secondo Lei non è stato un errore indicare come Presidente del Consiglio una figura priva di qualsivoglia carisma come Giuseppe Conte? Se è chiaro che Lei non poteva imporre la sua figura perché troppo politica, non pensa che comunque fosse più adatta una personalità capace di spiccare su un Salvini strabordante? Non è che ha avuto paura di esserne oscurato e ora ne paga il prezzo venendo fagocitato ogni giorno di più da Matteo?

Caro ministro, perdoni la mia insistenza, ma in gioco c’è la sopravvivenza stessa del M5s. Io al suo posto sarei preoccupato. Sono bastati neanche 20 giorni per svuotare di significato il MoVimento. Voi siete quelli del reddito di cittadinanza e basta. Tutto il resto, se ancora c’è, è passato in secondo piano. Siete senza forma.

Domanda numero 3: Non pensa che il tempo in cui il M5s non è né di sinistra né di destra debba finire? Lei ha sempre detto che le ideologie sono cose superate, appartengono al passato. Ma ammetterà che dentro la mente di ogni cittadino sono sempre presenti. Non fosse altro perché qualsiasi problema politico può essere affrontato con un approccio di destra o di sinistra. E poi Lei sta al governo con Salvini, che oggi è il leader della destra italiana. Insomma: il M5s ha scelto la destra?

Caro ministro, sarò breve, che non le voglio far perdere altro tempo. Ha tante cose da fare, due ministeri da governare non sono roba da poco. E magari tra un po’ di tempo le farò altre domande proprio su quei temi. Restando alla politica, però, ammetterà che a Roma c’è un problema. Le buche sul percorso di Virginia Raggi, a furia di allargarsi, stanno diventando una voragine che rischia di risucchiare tutto il MoVimento.

Domanda numero 4: Non crede che la sindaca di Roma abbia delle responsabilità politiche per il caos che puntualmente sferza la Capitale? Al netto di ciò che ha ereditato in Campidoglio – che non può essere un alibi eterno, altrimenti i romani che l’hanno votata a fare? – non pensa che Virginia Raggi si sia rivelata una guida politicamente inadeguata al ruolo che ricopre? Secondo Lei non sarebbe stato un gesto politicamente rivoluzionario per il M5s prenderne le distanze e chiederne le dimissioni?

Caro ministro, chiudo con un ultimo quesito, certo che si differenzierà dalla condotta del suo alleato di governo Matteo Salvini.

Domanda numero 5: Mi risponde?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.