Due buone cose del governo, sui vaccini e sull’Ilva

Spread the love

 

La differenza tra chi ha costruito la propria carriera sugli insulti e chi ha a cuore il bene del Paese sta nel saper ammettere quando l’avversario politico realizza qualcosa di buono. Questo ha fatto oggi Luigi Di Maio su Ilva, al termine di un percorso accidentato, reso ancor più scivoloso dai maldestri tentativi di screditare l’ottimo lavoro svolto dal suo predecessore, Carlo Calenda.

La buona notizia è che Ilva non chiuderà, né diventerà un parco giochi come chiedeva un delirante Beppe Grillo. Gli assunti subito saranno 10.700 anziché 10.000, come da piano originario. Resta da capire cosa ne farà Mittal di questi 700 in più, visto che nel suo piano aziendale specificava di poter gestire la fabbrica con 9500/10.000 lavoratori a partire dal 2023.

Ma al di là dei dettagli dell’intesa, che dovrà essere ratificata da un referendum tra i lavoratori, la migliore notizia sta nel fatto che il governo è riuscito a trovare il coraggio di cambiare idea. Grazie alle pressioni dell’opposizione, della stampa, dell’opinione pubblica, dei tecnici, Di Maio ha capito che la responsabilità imponeva una scelta diversa da quella promessa in campagna elettorale.

Il M5s perderà molti voti a Taranto? Probabile, ma di sicuro acquisterà una credibilità diversa sulle prossime vertenze. Ed in fondo è quello che è successo sui vaccini, con la maggioranza che dopo aver generato il caos ha capito – stritolata fra gli allarmi della comunità scientifica e del mondo della scuola – che era il caso di  cancellare l’emendamento al milleproproghe che avrebbe consentito l’iscrizione dei bimbi non vaccinati alla materna e al nido, mettendone a rischio la salute.

Questo si chiama buon senso. Questo significa fare politica. E in questo sta la differenza tra “noi” e “loro”. Nel “coraggio” di dire “bravi”, nell’interesse dell’Italia. Non in funzione dei sondaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.