Babbo Natale ci porta carbone (per colpa tua, caro Matteo)

Spread the love

 

Sta forse nelle parole pronunciate da Matteo Salvini la rappresentazione plastica del rischio che corriamo, l’immagine di un vuoto istituzionale che è prima di tutto un vuoto di idee. “Lettera di Bruxelles? Va bene, io aspettavo quella di Babbo Natale”. Perché a parte il fatto che “da ministro e da papà”, come ama definirsi ad ogni piè sospinto, Salvini dovrebbe sapere che le letterine a Santa Claus si scrivono, non si ricevono. A parte questo, dicevamo, è quanto meno paradossale che ci sia voglia di fare spirito in una situazione pericolosissima per il Paese.

E non si tratta di essere bacchettoni, di voler a tutti i costi criticare un esecutivo che a dirla tutta rende facile il compito. No, qui si tratta di buon senso e intelligenza, di rispetto per i sacrifici di milioni di italiani, mandati in fumo in poche settimane per il gusto di vedere se alle Europee di maggio la Lega prenderà il, 30%, il 35% o riuscirà a toccare il 40% che fu di Renzi. Di sforzi valsi a nulla, di austerità che ritornerà, di finanza allegra di cui pagheremo presto il conto.

No, non c’è da scherzare questa volta. Proprio non si può. C’è stato un tempo in cui raccontavamo barzellette, a dirla tutta anche divertenti. Oggi siamo diventati la barzelletta da raccontare.

Ps: a proposito di Babbo Natale, quest’anno, per colpa tua, caro Matteo, ci porta carbone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.