Manovra bocciata: siamo oltre l’orlo del baratro

Spread the love

 

Sarà la storia a dire se lo scontro con l’Europa è il punto d’arrivo di una strategia ben congegnata o il frutto di un’improvvisazione che si è rivoltata contro i primattori di un governo ingovernabile. Ma la realtà di oggi è quella di un’Italia bocciata senza appello dalla Commissione Europea, di un Paese trascinato allo sbando da politiche ottuse, arroganti e sbagliate.

Quel che è peggio, però, è che il nostro nemico da oggi non sarà tanto l’Europa quanto quell’insieme di risparmiatori, investitori, fondi pensione che vanno a comporre i cosiddetti “mercati”. Lo spread alle stelle non è il solo segnale che dovrebbe portare l’esecutivo ad una giravolta politica tale da frenare un’emorragia pericolosa. Il segnale vero lo hanno dato i piccoli risparmiatori nei primi due giorni dell’asta dei Btp Italia: sono stati racimolati 722 milioni, una cifra ben lontana dai 7-9 miliardi che il Tesoro stimava (e sperava) di raccogliere.

E’ la prova che al di là dei sondaggi, che più che un sentimento di fiducia sembrano intercettare la speranza di tanti italiani che Salvini e Di Maio siano davvero in possesso della ricetta per uscire dalle sabbie mobili, gli italiani non credono alle promesse e ai proclami, non sanno dove il governo è diretto.

Dopo il parere della Commissione, che ha rigettato il documento programmatico di Bilancio del governo italiano per il 2019 e aperto la strada alla procedura d’infrazione, dovrebbe essere tutto più chiaro. Non siamo più sull’orlo del baratro. Da oggi siamo oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.