Noi non ci saremo

Spread the love

 

Noi non ci saremo l’8 dicembre in Piazza del Popolo a Roma. E quel “noi”,  per quanto scritto da “uno”, ha la pretesa di rappresentare il sentimento di milioni di italiani verso una manifestazione che si propone di celebrare la deriva della politica nostrana. Viva la democrazia, sempre. Ma se Matteo Salvini si è conquistato il diritto di incarnare le speranze di tante persone, questo non vuol dire che presteremo il fianco a ciò che riteniamo il male del Paese.

Noi, quelli che non hanno mai preso una tessera di partito, quelli che alle elezioni votano secondo coscienza e non per ideologia; noi, che non prendiamo un euro se al governo ci va Berlusconi o Di Maio, Renzi o Salvini, noi che non abbiamo alcun interesse se non quello per l’Italia, non ci saremo.

Noi che crediamo ad un’Italia che va avanti, che non torna indietro sulle grandi opere, che non (s)vende il futuro delle prossime generazioni in cambio di qualche voto in più alle Europee, non ci saremo.

Noi, che non ci sentiamo né razzisti né fessi, noi che riteniamo l’Europa casa nostra e per questo vogliamo cambiarla, non lasciarla; noi che siamo stanchi di parole al vento e di promesse in fumo, non ci saremo.

La leggenda vuole che Piazza del Popolo tragga il suo nome dal latino “populus”, pioppo, dal boschetto che Nerone vi fece piantare.

Ecco, noi non ci saremo a celebrare un nuovo Nerone.

Noi che non vogliamo un altro Grande Incendio del Paese.

Noi che amiamo Piazza del Popolo. Non la Piazza dei Populisti.

No, noi no, non ci saremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.