Tria come Magda di Verdone: “Non ce la faccio più”

Spread the love

 

La smentita è arrivata. E sarebbe stato sorprendente il contrario. Ma che una firma autorevole come Augusto Minzolini si sia inventato di sana pianta il messaggio inviato da Giovanni Tria al collega e amico Renato Brunetta pare quanto meno improbabile. Un sms che ha il sapore dello sfogo più sincero: “Non ce la faccio più, sono sottoposto ad un agguato dietro l’altro. L’ultimo è stato quello di mandarmi davanti alla commissione parlamentare di ritorno dall’Ecofin. L’unica cosa che mi interessa è salvare il Paese. Quella è la mia luce. Altrimenti, se fosse solo per me, già ora…“. Già ora darebbe le dimissioni, Tria. Anzi, già le avrebbe date da un pezzo, a dirla tutta. Da quella sera di settembre in cui il MoVimento 5 Stelle profanò il balcone di Palazzo Chigi per festeggiare il primo passo verso il baratro.

Tria che nel frattempo è divenuto suo malgrado la trasposizione perfetta di Magda, la protagonista femminile di “Bianco, rosso e Verdone”, la moglie di Furio, il marito logorroico e assillante, il maniaco dell’ordine che controlla la disposizione delle valige nel portabagagli, che si accerta che la donna abbia sprangato le persiane e chiuso il gas, portato il sandwich al burro, allo stracchino e pure quello al prosciutto. “A proposito, ma il prosciutto lo hai preso da Luciano o da Gino?”.

La via di fuga di Magda alla fine è un bagno, che sia quello di casa o del primo autogrill, è la stanza in cui urlare a se stessa e al mondo intero il fatidico “non ce la faccio più”.

Così Tria, assediato non da Furio, ma da due Furie come Salvini e Di Maio, costretto a sentire ogni giorno una rivendicazione assurda, una proposta folle, avrebbe impugnato il telefono e scritto all’amico Renato. E non sorprendano le dichiarazioni di stima di Di Maio e degli altri. Non meravigli la smentita di Tria. Come diceva Verdone: “Magda, tu mi adori?”. Risposta: “Sì”. “E allora lo vedi che la cosa è reciproca?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.