La barzelletta di Conte, Di Maio e Salvini

 

C’è una barzelletta che comincia così:

C’erano una volta Di Maio e Salvini, nemici giurati, mai insieme. I loro partiti vanno bene alle elezioni e a loro va bene mettersi insieme per andare al governo. I due uniscono i loro programmi, fingono che sia possibile conciliare tutte le loro proposte, quasi fossero complementari, le une il pezzo mancante delle altre.

Ma poi Di Maio e Salvini litigano un po’: chi le realizza queste misure però? Io no, ma tu neanche. Prendiamone un altro: scelgono Conte, un professore dal “dubbio” curriculum che fino a pochi mesi prima era estimatore di Renzi al punto da mandargli messaggini sul cellulare per dirgli quanto fosse entusiasta del suo governo.

Quindi: c’erano una volta Conte, Di Maio e Salvini. I tre promettono al popolo che “non arretreranno di un millimetro”. Reddito di cittadinanza? Non si tocca. Quota 100? Questa è e questa rimane. Sembra essere tutto così bello, così una favola, che in un impeto di entusiasmo misto a follia, una sera di settembre Luigi Di Maio e i suoi fedelissimi profanano il balcone di Palazzo Chigi e annunciano che con il deficit al 2,4% hanno appena abolito la povertà. Caspita, un motivo in più per non cedere ai “ricatti di Bruxelles”. Lo spread? “Me ne frego”.

Passano un paio di mesi tra bordate all’Europa e dichiarazioni strafottenti e qualcosa si incrina. La Commissione minaccia l’Italia di voler aprire una procedura d’infrazione. Ahia, questi fanno sul serio. Salvini e Di Maio iniziano a far passare il messaggio che non si appenderanno agli “zerovirgola”. I due a questo punto mandano in avanscoperta Conte. Firmano un comunicato in cui cantano le lodi del professore, fino a quel momento bistrattato e umiliato, trasformato con un tratto di penna da fantoccio a possibile salvatore della Patria. Tanto – pensano ma non dicono – se va male la colpa è sua.

Da qui arriviamo a ieri. Il deficit scenderà “almeno” dal 2,4 al 2,04%, dice Conte. Sono 7,5 miliardi di euro in meno. Insomma il trio fa una retromarcia: la Commissione e tutti quelli che protestavano contro la Manovra avevano ragione. Peccato che nel frattempo – fonte Bankitalia – tra spread e mutui, tra mercati e tassi d’interesse, siano andati in fumo 60 miliardi di euro degli italiani.

Vabbé, si dirà, tanto è una barzelletta…

Perché è una barzelletta, vero?

7 risposte a “La barzelletta di Conte, Di Maio e Salvini”

  1. Questo governo giallo-verde innaturale deve reggere fino alle elezioni europee di maggio,il popolo é con loro perché parlano il loro linguaggio “Manovra del popolo ” ma sanno che non possono mantenere le promesse scritte nel contratto per tutta la legislatura. Vedremo come andrà a finire.

  2. Non mi aspetto niente di buono da questi fattucchieri e da quelli che li hanno eletti. Basti pensare al giochetto 2,4 – 2,04 o al sito IMPS che hanno tratto in inganno molti “questo lo dice lei” . Però la primavera deve arrivare, diceva la canzone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.