Il Parlamento sfregiato, come vuole Casaleggio

Può sembrare un tecnicismo, un regalo inaspettato per chi scrive le scalette dei tg sotto le feste. Vuoi mettere col solito servizio sulle luci e il cenone di Natale? Ma non è un dettaglio di contorno lo sfregio del governo al Parlamento.

C’è un maxiemendamento, contenente tutte le misure frutto dell’accordo con Bruxelles. La famosa Manovra non è altro che pagine e pagine di decisioni, capitoli su capitoli di cifre e parole, un testo su cui è scritto dove finiranno i soldi degli italiani. Arriverà in Senato oggi, alle 14:30. Neanche il tempo di leggere, di approfondire, di provare a capire se i conti tornano, se le promesse reggono, che alle 20:30 è già previsto il voto dell’Aula.

C’è puzza di una fretta malsana, quasi sospetta. Di chi ha voglia che non si vada troppo a fondo, che non si scavi, o almeno non subito. Che lo si faccia pure, magari, ma soltanto dopo. Che l’eventuale tradimento degli italiani venga fuori, ma meglio a Natale. Quando per fortuna tante tv restano spente. E anche gli schermi degli smartphone si illuminano un po’ meno.

Si dirà: “Ma il governo ha la maggioranza, gli italiani li hanno votati”.
Eppure mai era accaduto che la legge più importante della Repubblica, quella di Bilancio, restasse celata fino all’ultimo momento utile.

Ma chi oggi umilia il Parlamento, dai banchi della minoranza solo qualche mese fa chiedeva che all’Aula fosse restituita la sua centralità. Chi oggi imbavaglia il dibattito, gridava allo scandalo quando i precedenti governi facevano ricorso alla fiducia. Chi oggi abolisce il dissenso, si spingeva a parlare di dittatura se veniva utilizzato lo strumento della ghigliottina per ridurre i tempi di discussione.

Però il paradosso del governo che ha istituito il ministro per i Rapporti con il Parlamento, e poi il Parlamento lo umilia, resta. E tornano in mente parole strane, archiviate come utopie, visioni di un futuro che prima o poi si avvera. Di un Parlamento che “un giorno non servirà più”.

Come se quel giorno fosse arrivato.

Come se il Parlamento fosse sfregiato.

Come vuole Casaleggio.

Una risposta a “Il Parlamento sfregiato, come vuole Casaleggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.