C’era una volta la coerenza

C’era una volta il valore della coerenza. Affermare una cosa e restarvi fedele. C’era una volta, sì. E non si parla di mantenere le promesse della campagna elettorale. Quelle, in fondo, lo avevamo capito da un po’ che sono soltanto elenchi di illusioni, parole vuote per sognare, filastrocche buone per conciliare il sonno. Però certi principi generali, tali da definire l’essenza stessa di un politico, quelli li pensavamo al sicuro, al riparo dal tritacarne social che tutto divora, tutto tritura.

Eppure succede che la vita cambi la prospettiva delle cose. Basta poco, dopotutto. Basta passare dai banchi dell’opposizione a quelli del governo. Capita così che Salvini diventi lo statista che difende le istituzioni dai sindaci rivoluzionari, dai primi cittadini che non vogliono saperne di applicare il suo decreto sull’immigrazione.

Ci sta. Eccome se ci sta. Se non fosse che Salvini, che della rivolta dei sindaci parla come di “un fatto gravissimo, del quale risponderanno personalmente, penalmente e civilmente, perché è una legge dello Stato che mette ordine e regole“, è lo stesso che nel maggio 2016 arringava: “Chiederò a tutti i sindaci e amministratori locali di disobbedire a quella che è una legge sbagliata“, quella sulle unioni civili, perché “la disobbedienza alle leggi sbagliate, e per alcuni aspetti discriminatorie, è una virtù“.

Se fai il populista non puoi protestare quando i populisti per una volta li fanno gli altri. Se fai il reazionario quando sei all’opposizione, devi accettare di subire lo stesso trattamento quando ti capita di trovarti al governo.

Al di là delle ragioni giuste o sbagliate dei due provvedimenti (in questo caso il decreto Salvini e all’epoca la legge Cirinnà), non può valere il principio della doppia morale. Se la disobbedienza alle leggi sbagliate era considerata ieri una virtù deve esserlo pure oggi. E non puoi essere tu, firmatario della legge ora sotto accusa, a dire che qui la questione cambia, perché il decreto in questo caso è giusto. Altrimenti parliamo di un editto. E quindi di una dittatura. Basta dirlo. Così, giusto per essere coerenti.

2 risposte a “C’era una volta la coerenza”

  1. Un ministro dell’interno non può dire ai sindaci che si rifiutano di applicare alcuni articoli del DL Sicurezza di dimettersi o a pensare ai problemi delle loro città,loro pongono un problema di costituzionalità e dovrebbe essere in grado di entrare nel merito o magari rivolgersi ai suoi consulenti per delucidazioni,non voglio difendere i sindaci ma anche il commento di Di Maio ti fa cadere le braccia,che c’entra la campagna elettorale,anzi questo è un governo che pensa che siamo in campagna elettorale .Siamo davvero messi male.Ti auguro un felice e sereno 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.