Sono Sarti suoi

Si può essere più o meno d’accordo sul fatto che Giulia Sarti abbia gestito in maniera un tantino spregiudicata la sua vita privata. Si può credere, con un almeno un pizzico di ragione, che una deputata al vertice della Commissione Giustizia della Camera potesse mostrare maggiore accortezza nel proteggersi dalla diffusione del materiale (foto, video?, boh!) spinto che la vede protagonista. Si può perfino arrivare a pensare che con Giulia Sarti l’Italia non perderà una grande statista, così come lo scandalo Rimborsopoli ha lasciato intuire.

Si potrebbe poi controbattere che di questi casi è pieno il mondo, che in Italia si è dovuto aspettare che Tiziana Cantone morisse prima di alzare un dito, prima di parlare nei talk-show di “revenge porn” e non risolvere nulla. Qualcuno con buona memoria potrebbe citare anche il caso di Michela Deriu. Ma sarebbe forse chiedere troppo. Esagerando, provocando fino al limite, si potrebbe sottolineare che quest’alzata di scudi bipartisan, questo coro di parlamentari che davanti alle telecamere si presentano come paladini delle donne e della privacy e dietro si scambiano chat vergognose, non c’è stata in altre occasioni e in altri contesti. Che so, magari quando si trattava di testimoniare quel che accadeva o non accadeva durante alcune “cene eleganti”.

Si può dire tutto e il contrario di tutto. Si può essere più o meno liberali, o quanto tradizionalisti si vuole. Ma quel che la parlamentare M5s ha fatto in casa propria, nel suo letto, non ci deve interessare. Sono solo Sarti suoi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.