Parola agli iscritti

L’arresto di Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina, nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti per il nuovo stadio della Roma non ha portato alle dimissioni di Virginia Raggi. Non che rappresenti una novità: i vari scandali e tutti i terremoti politici che in questi anni hanno colpito la sua amministrazione sono sempre stati archiviati in nome di un “poltronismo” spudorato.

Luigi Di Maio ha trattato la vicenda De Vito con prontezza, per una volta, decidendone l’immediata espulsione. Era la sola mossa sensata che potesse compiere. La notizia è che l’ha compiuta. La riflessione successiva è che non basta. Roma da potenziale fiore all’occhiello del MoVimento 5 Stelle si è rivelato il grattacapo quotidiano dei grillini. Non c’è giorno che non arrivino notizie inquietanti su un’amministrazione che dal giorno dell’insediamento chiede tempo, senza rendersi conto che tra un po’ il suo mandato scadrà e le condizioni della Capitale saranno addirittura peggiori di quando ne ha preso le redini.

Ecco allora una provocazione per Luigi Di Maio. Tra rimpasti, inchieste, scandali, l’amministrazione Raggi ha certamente un’immagine diversa da quella uscita dalle urne. Se la sindaca non vuole dimettersi, rimettendo il suo mandato nelle mani degli elettori, allora sia Di Maio ad assumere un’iniziativa. Non si chiede che la sfiduci pubblicamente, sarebbe chiedere uno sforzo di onestà intellettuale evidentemente eccessivo, si domanda però una votazione in stile Diciotti su Rousseau (pensate un po’ di cosa ci accontentiamo) e senza condizionamenti.

Il quesito da sottoporre agli iscritti del MoVimento 5 Stelle dovrebbe suonare più o meno così: “Alla luce degli ultimi accadimenti nella Capitale pensate che Virginia Raggi debba dimettersi da sindaca di Roma?”. Se la votazione non servirà a liberare la Città Eterna da un problema epocale, avrà almeno il merito di misurare il livello di integralismo e masochismo degli iscritti pentastellati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.