Salvini e 23 miliardi di bugie per comprare gli italiani

Matteo Salvini l’ha sparata grossa. E il mitra stavolta non c’entra. Siamo nel campo delle illusioni, ma la portata dell’ultima promessa è talmente spropositata da meritare un approfondimento.

Si parla dell’aumento dell’Iva e degli ormai famosi 23 miliardi da trovare per evitarne l’aumento. Salvini presenta la sua ricetta a ‘La Stampa’: “Sono serenissimo. Perché credo il 27 maggio l’Europa cambierà approccio. Lo sanno anche la Merkel e Macron, i finlandesi o gli spagnoli che domani vanno a votare. La politica europea va rivista interamente. Vedrete che dopo le elezioni nessuno ci verrà a chiedere 23 miliardi“.

Ora, a parte che “stare sereni” in politica ha dimostrato di non portare particolare fortuna, ma il messaggio che traspare da una frase di questo genere è chiaro: “Votate la Lega e nessuno dall’Europa ci chiederà quei soldi”. Bugie su bugie, 23 miliardi di bugie.

Ne elenchiamo un paio. La prima è frutto di un’amnesia. Di sicuro Salvini ha dimenticato che non è stata l’Europa a chiedere all’Italia di mettere nero su bianco l’aumento dell’Iva, ma il suo governo. Basta leggere il Def, citofonare Tria, via XX Settembre, Roma.

La seconda bugia specula sulla disinformazione di tanti italiani. Si chiamano elezioni Europee perché vota tutta l’Europa. Questo significa che Salvini e i 5 Stelle – e con loro tutti i partiti euroscettici che si candideranno in Francia, in Spagna, in Germania e così via – nel migliore dei casi controlleranno il 25% dei seggi dell’intero Europarlamento. Popolari europei, socialdemocratici e i liberali dell’Alde grazie all’ingresso di Macron, avranno la maggioranza in Europa anche dopo il 26 maggio. Lo dicono tutti i sondaggi. Salvini si metta l’anima in pace: il voto alla Lega è l’emblema del voto inutile.

È all’interno di questo contesto che bisogna inserire le promesse di Salvini. Chiamarla mancia elettorale è fargli un complimento. Questi 23 miliardi non sono nelle sue disposizioni. Se vuole comprare gli italiani provi almeno a farlo coi suoi soldi. Basterebbero 49 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.