Prima gli essere umani

Quelli che “Carola Rackete ha infranto la legge”, quelli che “come fate a dare contro Salvini anche stavolta?”, quelli che “W la giustizia”, da ieri sera hanno pochi argomenti, meno credibilità e tanto ingiustificato livore. Il gip che ha reso libera la comandante della Sea Watch 3, tenuto conto dell’emergenza a bordo – la cosiddetta “scriminante” che ha portato Carola a forzare il blocco della Guardia di Finanza e ad attraccare a Lampedusa – ha affermato un principio di civiltà. Non vengono prima gli italiani: in ogni caso, sempre, vengono prima gli essere umani. Compresi gli italiani.

Nel commentare la decisione del giudice, Matteo Salvini ha dimostrato ancora una volta i suoi maggiori difetti: la sua tendenza al dispotismo e la sua abitudine a mentire. Partiamo da quest’ultima: ha parlato di un provvedimento di espulsione già pronto per la comandante. Peccato non abbia detto che il pm di Agrigento gli ha già negato il nulla osta necessario ad attuarlo. Di più: Salvini ha dimenticato di dire che il provvedimento di espulsione può essere notificato soltanto in caso di gravi comportamenti sanzionati da un giudice. Cosa che a quanto pare non è successa. Il resto è un copione già visto, già sentito, fatto di attacchi ai giudici soltanto quando non assecondano i suoi desideri. Troppo facile.

Così da ieri Salvini è più debole. Perché il pronunciamento del gip sottolinea una volta per tutte che salvare vite non è reato, oltre che rimarcare l’ovvio: Tunisi e Tripoli non sono porti sicuri (ma va?) e non possono essere considerati tali. Parlare di “criminale”, di “pericolo per la sicurezza nazionale” rispetto ad una ragazza che ha fatto il suo dovere si è dimostrato un grande imbroglio. Un bluff dettato da una narrazione distorta della realtà.

Di falsi dilemmi è piena la nostra agenda politica. Esempio: aiutiamo i terremotati italiani o aiutiamo i migranti? Risposta: aiutiamoli tutti. Perché una cosa non esclude l’altra. Perché non sempre è questione di soldi: il più delle volte è questione di burocrazia, di lungaggini da superare, di organizzazione che manca, di coordinamento assente, di volontà e priorità politiche.

Bisogna sforzarsi di spiegarlo. E’ l’unica medicina contro la Salvinite acuta, il pericoloso male che ha colpito il nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.