Il ruolo di Anti-Salvini

Al di là delle battaglie sul calendario, sulla guerra delle mozioni, sull’esito di questa crisi, sulla nascita o meno di un nuovo governo, sull’opportunità di evitare o oppure no il voto, c’è già un vincitore in questa partita politica.

Vedremo poi come evolverà il quadro, quali alleanze nasceranno in seguito, quali distinguo farà Zingaretti per dire che alla fine è stato lui, e lui soltanto, a dare il via all’esplorazione di un governo non più istituzionale, ma possibilmente di legislatura, coi 5 Stelle. Resta però il dato politico, la capacità di dettare l’agenda, di imporsi sulla scena. E in quella che sembrava una sceneggiatura già fatta e finita, unico regista Matteo Salvini, ad inserirsi è Renzi, il primo Matteo.

C’era un solo modo per provare ad evitare di essere fagocitato dal tempo: ingannarlo. E allora ecco che un finale scontato, un ritorno al voto che lo vedrebbe sparring partner nella migliore delle ipotesi, isolato nelle liste e in Parlamento in quella più probabile, diventa l’opportunità per mettersi di traverso, per tornare al centro, o quanto meno centrale. L’operazione necessita di buona dose di coraggio, o se preferite di faccia tosta, a seconda di come la si legge. Fatto sta che Renzi rientra in gioco, lo fa con un tempismo da fuoriclasse, comunque la si pensi sul suo conto, qualunque sia il giudizio sull’operazione in toto (e qui lo abbiamo detto).

L’altro Matteo, Salvini, che fiuto politico ne ha da vendere, ha già capito il senso di questa giocata. Leggeteli così i continui riferimenti al Matteo di Rignano, al governo della ribollita, alla “manovra fatta per salvare la poltrona a Renzi”. Si marcano, si annusano, si pungono. Sanno che se non è questa sarà la prossima. Gli toccherà sfidarsi, gli piacerà anche farlo. Perché uno con Di Maio non ha mai preso gusto, al punto che nelle ultime ore, in preda ad una sorta di sindrome del coccodrillo pentito, ha offerto ai grillini che avessero il coraggio di salirvi perfino una scialuppa di salvataggio. L’altro, sentendosi da sempre “altra cosa” rispetto alla “ditta”, alla prima opportunità ha fatto un sol boccone di Zingaretti, dimostrando altra stoffa, altra testa.

Poi magari il dopo sarà pure “altra storia”, il ciclone leghista spazzerà via tutto, l’accordo Pd-M5s sarà ricordato come un sogno (o meglio un incubo) di mezza estate, ma l’indicazione che arriva è questa: Renzi s’è preso il ruolo di anti-Salvini. Sarà da Matteo a Matteo. E a un certo punto non era più così scontato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.