Boris Johnson sarà anche un “buzzurro”, ma forse salverà Hong Kong

Boris Johnson sorvola Hong Kong

Troppo facile giudicare dalle apparenze. Ti trovi davanti un leader conservatore, con una capigliatura bionda scapigliata, una marcata propensione per le gaffes e le esagerazioni (se non proprio le bugie) e pensi subito di trovarti di fronte a Donald Trump. O almeno ad un suo doppione. Eppure Boris Johnson è diverso, molto più complesso di così.

Nessuno ha dimenticato la frase choc pronunciata all’inizio dell’epidemia di coronavirus: “Molte famiglie perderanno i loro cari“. E’ finita che BoJo ha rischiato di essere il “caro perduto” dalla sua, di famiglia. Qualcuno ha parlato di karma, altri hanno vergognosamente esultato, io credo che Johnson abbia commesso un grave errore di sensibilità politica: ha tentato di preparare al peggio gli inglesi quando gli inglesi avevano bisogno in quel momento di un orizzonte oltre il tunnel dell’incredulità, ha puntato sulla concretezza di Churchill dimenticando che stavolta il nemico non erano Hitler e l’esercito dei nazisti, ma un virus invisibile. Non si doveva reagire con orgoglio e resilienza, bisognava rispondere con compattezza e prudenza.

Eppure questo politico così poco elegante ma così ossessionato da Sir Winston, questo signore dall’espressione perennemente, apparentemente, alticcia ma dalla cultura invidiabile (laureato ad Oxford in storia antica, tanto per gradire), questo ex sindaco di Londra nato a New York (sì, come The Donald) così pieno di sé ma così affascinato dall’eredità dell’Impero Romano, ha compiuto per Hong Kong ciò che tanti soloni non hanno avuto il coraggio di fare. Provare a ribaltare il piano inclinato che sta portando il Porto Profumato tra le grinfie della Cina. Tentare di preservare la libertà di milioni di persone mentre il resto del mondo volge lo sguardo altrove, per timore di far infuriare il Dragone.

In che modo? Dichiarando che il Regno Unito è pronto a consegnare il passaporto britannico d’Oltremare a quasi tre milioni di hongkonghesi. Di fatto rendendo cittadini britannici tutti coloro che si trovavano a Hong Kong prima che fosse ceduto alla Repubblica Popolare Cinese.

Non si tratta di una mossa di lettura immediata, non è una semplificazione alla stregua di quelle del “tweeter-in-chief” della Casa Bianca. Si tratta di una tattica raffinata, tale da scatenare la reazione furibonda della Cina, che non a caso in queste ore sta preparando una controffensiva.

Ma perché Johnson con questa manovra ha irritato non poco Pechino? Semplice: nella malaugurata ipotesi che la Cina volesse stringere il cappio al collo di Hong Kong (7,5 milioni di abitanti), farlo con la consapevolezza che sul territorio vi sono 3 milioni di sudditi di Sua Maestà complicherebbe enormemente le cose. Esporrebbe la Cina alla furia degli Usa. Sì, perché un conto sono 3 milioni di hongkonghesi in pericolo, un altro lo sono 3 milioni di cittadini britannici, storici amici dell’America. Capito il giochino?

La reazione della Cina si articola sul fronte economico, tende a sfruttare la debolezza inglese dopo la Brexit. Per questo l’ambasciatore cinese a Londra ha avvisato privatamente Downing Street che qualora Huawei fosse escluso dal 5G nel Regno Unito le aziende cinesi potrebbero ripensare la decisione di finanziare la costruzione di una centrale nucleare in UK e di una rete ferroviaria ad alta velocità che, oltre a tenere unito il Regno, rappresenta anche una delle cambiali da onorare più costose della campagna elettorale per la Brexit.

Insomma, Johnson si è esposto. Ha preso dei rischi importanti. Lo ha imposto la grammatica strategica, la fedeltà all’alleato americano nella battaglia con la Cina. Non siamo nell’ambito della filantropia: gli attori della geopolitica non sono le dame di San Vincenzo. Però resta il fatto che ci sono i parrucconi che scrivono editoriali sui giornali, i leader o presunti tali che affidano ai “colloqui” pubblicati in prima pagina sui quotidiani i loro pensieri e lì si fermano (d’altronde viste le idee che partoriscono difficilmente potrebbero andare oltre). E poi c’è quel “buzzurro” di Boris Johnson, che coi suoi capelli arruffati, il nodo di cravatta improvvisato, le liti a tutto volume con la compagna e i vicini che chiamano la polizia, forse, dopotutto, nonostante tutto, salverà Hong Kong.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.