Un agguato. Padre Christian Carlassare, missionario italiano, il più giovane vescovo del mondo con i suoi 43 anni, eletto della diocesi di Rumbek, in Sud Sudan, è stato ferito alle gambe da due uomini armati. In questo momento è in fase di trasferimento in Kenya, necessita di una trasfusione. Non si sarebbe trattato di un tentativo di rapina ma di un vero e proprio attentato, una gambizzazione, nei confronti del monsignore originario di Schio. Gli aggressori avrebbero bussato alla porta del vescovo e aperto il fuoco, senza dare a padre Carlassare neanche il tempo di capire cosa stava succedendo.

Originario di Piovene Rocchette, in provincia di Vicenza e diocesi di Padova, è stato nominato vescovo da Papa Francesco lo scorso 8 marzo. Secondo diverse fonti non sarebbe in pericolo di vita. Cosciente e sofferente, riporta Avvenire, padre Christian Carlassare avrebbe telefonato alla famiglia per informarla dell’accaduto. Parlando con il responsabile dei Missionari Comboniani in Italia, istituto religioso di cui fa parte, avrebbe dichiarato: “Pregate non tanto per me ma per la gente di Rumbek che soffre più di me“. Un pastore, un missionario vero.

Se apprezzi il mio lavoro: clicca qui e fai una donazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.