Nel corso della conferenza stampa di ieri, Mario Draghi ha pronunciato una frase che qualcuno, sprovvisto di conoscenza del personaggio, ha catalogato come arrogante.

In varie occasioni della mia vita mi hanno chiesto: “Come pensi di farcela?”. Beh, insomma, abbastanza spesso ce l’ho fatta. Io, e questa volta il governo ce la fa“.

Non è un peccato di presunzione, bensì un distillato di ottimismo figlio della storia personale di Mario Draghi. L’uomo che ha salvato l’Euro e l’Europa può concedersi il lusso di comunicare fiducia al Paese che sta tirando fuori dalla pandemia.

In un’Italia abituata a piangersi addosso, a sminuirsi più di quanto per lei non facciano già gli altri, le parole del premier rappresentano una boccata d’ossigeno. E spiegano molto dell’uomo, del suo modo di approcciare la politica.

Prendete la teoria del “rischio calcolato” adottata sulle riaperture. Non una scommessa, non un azzardo, ma un rischio, appunto. Perché solo rischiando, uscendo dalla propria “comfort zone”, è possibile passare all’incasso, riscuotere il massimo beneficio del proprio potenziale.

Ecco perché quella di Draghi non è arroganza, ma ottimismo. Non è spacconeria, ma fiducia nei mezzi di questo Paese. “Come pensi di farcela? In passato abbastanza spesso ce l’ho fatta“.

Se apprezzi il mio lavoro: clicca qui e fai una donazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.