Salvini la contromossa l’aveva studiata bene, ma non è bastato.

Al Copasir, dopo l’abbandono (concordato) da parte delle delegazioni del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle, la Lega ha reagito con le dimissioni del presidente Raffaele Volpi e con la richiesta che a presentare le dimissioni fosse l’intero comitato.

La legge d’altronde è chiara: cinque elementi su 10 spettano all’opposizione. Peccato che in questo momento all’opposizione ci sia solamente Fratelli d’Italia. E nessuno degli altri partiti è disposto a rinunciare i propri seggi al Copasir per consegnarli alla Meloni.

La contromossa di Salvini, dunque, è stata sterilizzata poco fa dai presidenti di Senato e Camera. Casellati e Fico hanno infatti praticamente ignorato la richiesta della Lega, chiedendo, con una lettera ai capigruppo della Lega Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, di indicare i due nomi in sostituzione dei dimissionari Raffaele Volpi e Paolo Arrigoni. Obiettivo? Ripristinare il plenum del Comitato, non azzerarlo come richiesto da Salvini.

Altra partita, altro ko per il leghista.

Se apprezzi il mio lavoro: clicca qui e fai una donazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.