Cdm sospeso, ipotesi astensione M5s: Pd al bivio, può saltare tutto

Caos in Consiglio dei ministri: tra ritardi e riunioni che di fatto hanno dato vita ad un governo ombra M5s presieduto da Giuseppe Conte, adesso la riunione è stata sospesa. E’ il segno che il compromesso sulla riforma della Giustizia non è stato ancora trovato.

Come spesso avviene in questi casi, la situazione è fluida: è possibile che un punto di incontro possa essere raggiunto nei prossimi minuti. Ma attualmente la situazione è la seguente: non c’è accordo e il MoVimento sta pensando di astenersi. Sarebbe il preludio ad un mancato voto di fiducia la prossima settimana, quando il provvedimento verrà portato in ogni caso il Parlamento.

Al di là delle questioni tecniche – chi scrive non è un giurista – il tema centrale diventa adesso politico. Sfilarsi su un dossier delicato come la giustizia vuol dire sfilarsi anche dalla maggioranza di governo. Ciò significherebbe un problema in particolare per Enrico Letta: lui è stato tra coloro che hanno garantito rispetto alla serietà di Conte e all’affidabilità del MoVimento 5 Stelle. Ma certo il segretario del Pd non potrebbe seguire Conte togliendo la fiducia a Draghi.

Un mancato appoggio M5s all’esecutivo, dunque, metterebbe ad alto rischio naufragio anche le intese alle prossime amministrative tra Pd e M5s. Sono minuti importanti: può realmente saltare tutto.

Iscriviti al canale YouTube di Dario D’Angelo

2 commenti su “Cdm sospeso, ipotesi astensione M5s: Pd al bivio, può saltare tutto

  1. Bravissimo, il tuo blog è prezioso, purtroppo non sono in condizione di fare una donazione che meriteresti certamente. Scusami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.