Giorgetti disconosce Salvini: “Non mi ricandido più”

La frase è di quelle che fanno rumore, perché a pronunciarla sarebbe stato un pezzo grosso della Lega, ma in generale della politica italiana degli ultimi anni: Giancarlo Giorgetti.

Il più istituzionale dei leghisti, l’anima moderata del Carroccio, avrebbe confidato ai deputati più fedeli, quelli del Nord – precisamente di Varese e dintorni – l’intenzione di non continuare la propria avventura politica.

Queste le parole attribuitegli da Il Foglio: “Non mi ricandido più, questo è il mio ultimo giro, non mi riconosco più nel progetto“.

Sono parole che tradiscono tutta l’insofferenza del commercialista di Cazzago Brabbia, il convincimento di aver perso probabilmente in maniera irreversibile l’ascendente su Matteo Salvini, di non poter portare la Lega sui binari che ritiene dovrebbero portarla a completare il suo processo di maturazione verso una forza di governo affidabile, anche agli occhi dell’Europa.

Poi si sa, la stanchezza è sentimento tipico di chi staziona ai vertici. Ma passeggero. E quella per la politica è una passione che non è possibile domare. Ma intanto quella frase, “Non mi riconosco più nel progetto“, resta sul taccuino. Così come la distanza tra il leader e il suo (ex?) braccio destro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.