M5s, il sondaggio riservato: tonfo epocale nonostante Conte

Un vero e proprio tonfo, reso ancora più grave dal fatto che questi sono i giorni in cui il MoVimento 5 Stelle avrebbe dovuto beneficiare in termini di consensi del cosiddetto “effetto Conte”, ovvero dell’avvento sulla scena dell’avvocato.

A riportare i numeri in questione è il sempre ben informato Dagospia. Ebbene, secondo il portale di Roberto D’Agostino, un sondaggio riservato e recentissimo dà il M5s al 12%.

Si tratta di un capitombolo epocale, del minimo storico toccato dai grillini (ora contiani).

Per intenderci: anche Di Maio, alle Europee del 2019, nella tragedia rappresentata dall’aver perso 15 punti nel giro di un anno, riuscì comunque ad arrivare al 17%.

Ora questo 12%. Sì, sono sondaggi: ma fanno rumore…

Un commento su “M5s, il sondaggio riservato: tonfo epocale nonostante Conte

  1. Nonostante Conte? Grazie a Conte. Perché meravigliarsi di tali miserevoli risultati? Nessuno al mondo si è mai azzardato a pensare o dire che costui avesse qualità intellettive tali da riuscire a conseguire un qualche risultato decente, neanche il suo pigmalione Beppe Grillo, che di lui non ha alcuna stima. I due fenomeni dei 5 stelle rappresentano quegli scherzi della storia che il caso scaraventa sulla scena politica delle nazioni, in momenti particolarmente delicati e difficili, per risollevarne il morale con questi personaggi barzelletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.