Draghi: “Al lavoro con partner UE per soluzione crisi Afghanistan”

Mario Draghi prende posizione sulla crisi in Afghanistan. Il ritorno dei Talebani al potere costituisce una minaccia in primis per l’Europa, prim’ancora che per gli Stati Uniti. Se non si prenderanno provvedimenti in fretta il Paese tornerà a rappresentare la palestra di migliaia di aspiranti terroristi in attesa di entrare in azione.

Così in una nota il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, oltre a ringraziare “le forze armate per le operazioni che stanno permettendo di riportare in Italia i nostri concittadini di base in Afghanistan”, sottolinea “l’impegno dell’Italia” a “proteggere i cittadini afghani che hanno collaborato con la nostra missione”.

Il premier si dice “in continuo contatto con il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio”.

Poi aggiunge la frase chiave: “L’Italia è al lavoro con i partner europei per una soluzione della crisi, che tuteli i diritti umani, e in particolare quelli delle donne”. Fateci caso: Draghi parla di partner europei, non NATO. Significa che gli USA non hanno intenzione di tornare sui propri passi. Sarà l’Europa a dover cooperare per gestire la crisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.