Indiscrezione confermata: il Pd vuole il “campo largo” senza Renzi

Questo blog stamattina è stato il primo a pubblicare un articolo in cui si dava conto del “piano” di Enrico Letta: realizzare un’alleanza di centrosinistra – per comodità definita “nuovo Ulivo” – senza Matteo Renzi.

Troppo forte la spinta della base per pensare di imbarcare Italia Viva: questo il ragionamento dei dirigenti dem. A maggior ragione dopo che gli stessi vertici Pd hanno alimentato il risentimento scagliandosi – senza alcun elemento a sostegno della tesi del tradimento renziano, oltre che in contraddizione alla pura aritmetica – contro Italia Viva attribuendole il ko del ddl Zan in Senato.

Proprio questa mattina, poco dopo la pubblicazione dell’articolo, Enrico Letta sembrava aver tirato il freno a mano con questa dichiarazione: “Io lavoro sempre in una logica di centrosinistra inclusivo, vincente. Semplicemente, è stato un momento di chiarimento importante“. A molti era sembrata una retromarcia, una dichiarazione volta a ricucire con i renziani. Sbagliato.

Dal Nazareno, infatti, hanno poco dopo precisato che la frattura con Italia Viva nulla ha a che vedere con la costruzione del “campo largo di centrosinistra“, una “costruzione dal basso, che va avanti attraverso il lavoro delle Agorà democratiche” e che dovrà comprendere le forze progressiste, riformiste e liberali. Tradotto: da Fratoianni a Conte, dal Pd a Calenda. Possibilmente senza Renzi. Il piano di Enrico Letta è quello anticipato su queste pagine, come confermato da Repubblica poco fa (sotto la schermata). Se il “campo largo” includerà Renzi sarà solo in due casi: il fallimento del progetto del polo riformista cui sta lavorando il senatore di Rignano e la risalita nei sondaggi di Italia Viva. In quel caso, a sinistra, faranno carte false per riabbracciare Renzi: ma potrebbe essere troppo tardi…

Ti è piaciuto questo articolo? Su questa notizia il blog è arrivato primo: dietro c’è del duro lavoro! Sostienilo!

2 commenti su “Indiscrezione confermata: il Pd vuole il “campo largo” senza Renzi

  1. Il comportamento di Letta è increscioso, ma in linea con gli orientamenti e la personalità che ha sempre dimostrato e che ora si sta affermando in modo molto esplicito .
    In quanto a Calenda, non capisco i motivi per cui con con tattica pungente e mirata mostra di ignorare Renzi ed anche la sua azione politica .È un atteggiamento che mi da molto fastidio. Mi disgusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.