Otto e Mezzo, tensione durante la registrazione. Renzi a Travaglio: “Il Fatto è il mio vitalizio”

Tensione alle stelle durante la registrazione di Otto e mezzo, il programma di Lilli Gruber che vede ospiti oggi Matteo Renzi e Marco Travaglio. Il direttore del Fatto Quotidiano ha iniziato col piede schiacciato sull’acceleratore leggendo la mail inviata da Fabrizio Rondolino al leader di Italia Viva, in cui il giornalista presentava “un primo appunto sulla struttura di propaganda antigrillina” chiamata a “distruggere la reputazione e l’immagine pubblica di Grillo, Di Maio, di Battista, Raggi, Casaleggio, Travaglio e Scanzi”.

Pronta la replica di Renzi, che ha risposto che a quel progetto non è stato dato alcun seguito, anche perché “per distruggere il Movimento 5 stelle è bastato farli governare, per distruggere il Fatto basta il pregiudicato Marco Travaglio”. E ancora: “Io non voglio la fine del Fatto quotidiano perché è un vitalizio per me e per la mia famiglia”. 

Primi fuochi d’artificio di uno scontro molto atteso…

2 commenti su “Otto e Mezzo, tensione durante la registrazione. Renzi a Travaglio: “Il Fatto è il mio vitalizio”

  1. Renzi va liscio con giornalisti rancorosi come Travaglio e Giannini e con la conduttrice anti renziana da sempre, senza se e senza ma.
    Sta di fatto che è incontestabile che dobbiamo a Renzi il fatto che Giuseppi ha dovuto fare le valigie e che Draghi è diventato presidente del consiglio.
    Col 2%delle preferenze, secondo i sondaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.