M5s, è autogestione! Conte sconfessato dai senatori: “Insistere per Mattarella-bis”

Nemmeno una settimana fa Giuseppe Conte ha espresso l’auspicio che il prossimo inquilino del Quirinale sia un’inquilina.

Una donna al Colle purché sia.

Questo, più o meno, il senso dell’intervento dell’ex avvocato del popolo in vena di dichiarazioni fulminanti.

E invece? Invece succede che, a riunione dei senatori M5s ancora in corso mentre scrivo, la linea del leader sia stata già sconfessata.

Dal gruppo del Movimento 5 Stelle al Senato è emersa infatti un’indicazione chiara: si deve insistere ancora (e ancora) per convincere Sergio Mattarella a restare al Quirinale.

Non c’è bisogno di essere un genio o un fine analista politico per capire che l’indirizzo espresso nella videoconferenza di oggi da parte dei senatori pentastellati è espressione di due messaggi politici chiarissimi.

Primo, è diffuso il terrore che senza Draghi a Palazzo Chigi – dunque spedito al Colle – il Paese precipiterebbe verso il voto (e molti parlamentari verso una realtà in cui devono cercarsi un lavoro). Secondo, la parola di Conte all’interno del Movimento vale zero. A conferma di questa tesi anche il fatto che alcuni senatori M5s abbiano oggi garantito che il “sì al pressing per il bis di Mattarella” viene condiviso pure alla Camera. Di fatto, tra i 5 Stelle, è iniziata l’autogestione.

AGGIORNAMENTO. …

Un commento su “M5s, è autogestione! Conte sconfessato dai senatori: “Insistere per Mattarella-bis”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.