David Sassoli non ce l’ha fatta

David Sassoli non ce l’ha fatta. Il presidente dell’Europarlamento è morto questa notte.

A darne notizia il suo portavoce, Roberto Cuillo, con una nota: “Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli si è spento alle ore 1.15 dell’11 Gennaio presso il CRO di Aviano (PN) dove era ricoverato. Nelle prossime ore verrà comunicata data e luogo delle esequie“.

La notizia dell’improvviso aggravarsi delle sue condizioni aveva squassato, ieri, tutto il mondo della politica. Subito era filtrato in ambito parlamentare, grazie a chi fino alla fine ha mantenuto un filo diretto con lui, che la situazione era purtroppo molto seria.

Eppure nessuno pensava che nel giro di poche ore il presidentre del Parlamento Europeo sarebbe spirato.

Ancora ieri mattina dal suo profilo Twitter era partito un messaggio per ricordare Silvia Tortora, figlia di Enzo:”Il mio cordoglio per la prematura scomparsa di Silvia Tortora. Una vita spesa per il garantismo, per la memoria del padre #Enzo vittima di malagiustizia, per un Paese più maturo e più civile”.

A dicembre Sassoli aveva annunciato l’intenzione di non ricandidarsi alla guida del Parlamento. Ed è un’assurda coincidenza che proprio per giovedì sia prevista l’elezione del suo successore. Sassoli ha portato a compimento il suo mandato: è morto da europeista, vivendo la causa che più di ogni altra gli stava a cuore. Lascia un testimone ingombrante. Lo definiscono bene le parole di Ursula von der Leyen: “Grande europeo, orgoglioso italiano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.