Draghi e la contro-velina di Conte: Quirinale, qual è l’unico nome in campo per il centrosinistra

Il vertice del centrosinistra a casa di Giuseppe Conte è terminato da poche ore. Come sono andate – veramente – le cose? E soprattutto qual è – al momento – l’unico nome veramente in campo per il centrosinistra al Quirinale?

Anzitutto: al netto del comunicato copincollato sui profili social dei leader di Pd, M5s e Leu, la sola cosa che mette d’accordo Letta, Conte e Speranza è il no a Berlusconi. Su tutto il resto, al di là della compattezza ostentata dal terzetto, le posizioni divergono.

Il primo sponsor della candidatura di Mario Draghi continua ad essere Enrico Letta. Esponente di quell’establishment che a livello internazionale (si legga alla voce Stati Uniti d’America) spinge non poco per avere Supermario nel ruolo di tutore della politica italiana da qui ai prossimi 7 anni, il segretario del Partito Democratico si è detto convinto che soltanto la candidatura di Draghi disponga del potenziale per togliere il pallino dalle mani del centrodestra. Sostenere l’ipotesi Draghi al Colle, ha spiegato Letta, non solo eliminerebbe dal tavolo l’opzione Berlusconi, ma impedirebbe pure che in seconda istanza venga eletto un candidato “d’area centrodestra” stile Marcello Pera o Elisabetta Alberti Casellati.

Si tratta, di fatto, dello schema “numero 2” di cui ipotizzato da Matteo Renzi.

Dinanzi a questo ragionamento, però, Giuseppe Conte ha espresso la propria contrarietà.

Il presidente M5s ha detto di non essere personalmente contrario a questa ipotesi. Anzi, condivide l’impostazione di Letta. Ma ha un grande problema: i gruppi parlamentari M5s gli hanno detto chiaramente che Draghi non sono disponibili a votarlo. “Va trovata un’altra soluzione, per noi deve restare a Palazzo Chigi“, ha detto l’avvocato.

A conferma di ciò è arrivata, pochi minuti dopo la fine del vertice, una velina da fonti qualificate M5s. Anzi, una “contro-velina” rispetto alla narrazione offerta dai tre leader.

Se Letta, Conte e Speranza si erano infatti affrettati a parlare con una sola voce proprio per comunicare l’idea di un blocco compatto, la soffiata di marca pentastellata, partorita allo scopo di dichiarare falso che a casa Conte si siano fatti nomi, si è in verità tradita. Uno lo si è fatto, e per escluderlo dal novero dei Quirinabili. Quale? Quello di Mario Draghi.

Ma allora quale può essere la figura che risponde all’identikit tracciato dai tre leader? Qual è il nome del candidato in cui “tutti possano riconoscersi“? E soprattutto: qual è l’unico profilo in grado di sbaragliare qualsiasi nome dovesse essere partorito dal centrodestra una volta superata la candidatura di Berlusconi? Tolto Draghi, ne resta uno solo: Sergio Mattarella.

Che  a 5 giorni dalla prima votazione il centrosinis…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.