FLASH! Conte ha appena bruciato Draghi

Giuseppe Conte non cambia idea. Al netto del pressing di Enrico Letta da una parte e di Luigi Di Maio dall’altra, il presidente del Movimento 5 Stelle mantiene la linea del no a Draghi e brucia il nome del premier in ottica Quirinale.

Conte, prima di partecipare al vertice con Pd, M5s e Leu, ha infatti pronunciato parole chiarissime sul futuro di Draghi. Eccole:

Il mio ruolo è difendere Draghi? Il mio ruolo non è difendere il destino dei singoli ma difendere l’interesse nazionale, l’interesse del Paese, l’interesse dei cittadini. Un anno fa in piena emergenza abbiamo chiamato il premier ad un’assunzione di responsabilità, ci siamo predisposti ad un perimetro di maggioranza non certo confortevole perché molto dilatato. Quest’assunzione di responsabilità la manteniamo. Se abbiamo affidato ad un timoniere questa nave in difficoltà non ci sono le condizioni perché si possano fermare i motori, perché si possa cambiare equipaggio, perché si possa chiedere al timoniere un nuovo incarico“.

Conte ha poi aggiunto: “Questa anzi è una conferma dell’importanza che attribuiamo al ruolo del timoniere, perché…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.