FLASH! Quirinale, perché il centrodestra oggi non ritirerà la scheda

Il centrodestra oggi non voterà scheda bianca, ma si asterrà, evitando direttamente la scheda dai segretari. Questa l’indicazione che arriva dalle assemblee dei partiti a pochi minuti dalla quarta votazione. Stando a quanto appreso, la coalzione prenderà sì parte alle votazioni, ma limitandosi ad avvicinarsi alla presidenza e a dire “astenuto/a”, senza ritirare la scheda.

Si tratta di una mossa di tattica parlamentare finalizzata ad evitare rischi di sorprese. Il centrodestra non vuole esporsi al rischio di apparire diviso: l’episodio di Guido Crosetto ha irritato non poco Matteo Salvini. Si decide dunque di sterilizzare in partenza il pericolo che qualcuno provi a votare un candidato di bandiera sgradito agli alleati.

Di più: questa è una maniera per contarsi, per verificare di quali numeri dispone – sulla carta – il centrodestra.

Da capire cosa deciderà di fare adesso il centrosinistra. Fino a pochi minuti fa l’indicazione era di votare bianca, ma la manovra del centrodestra rischia di mettere a nudo eventuali divisioni nel campo avverso. Di fatto eventuali ribelli sarebbero ascrivibili immediatamente al centrosinistra.

Cosa decideranno Conte e Letta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.