Perché Renzi ha denunciato i magistrati di Firenze: il senso della contromossa

Dopo la notizia della richiesta di rinvio a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Open, Matteo Renzi ha fatto sapere attraverso una nota stampa di aver provveduto a firmare una formale denuncia penale nei confronti dei magistrati Creazzo, Turco, Nastasi.

L’atto firmato da Renzi – si informa – sarà trasmesso alla Procura di Genova, competente sui colleghi fiorentini, per violazione dell‘articolo 68 Costituzione, della legge 140/2003 e dell’articolo 323 del codice penale.

Ma quali sono le violazioni di cui Renzi accusa i procuratori di Firenze?

L’articolo 68 della Costituzione recita quanto segue. Occhio ai grassetti:

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.

Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell’atto di commettere un delitto per il quale è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza.

Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.