FLASH! Caso Open in Senato il 22 febbraio: e Renzi prepara il suo j’accuse

Il caso Open arriva in Senato il 22 febbraio. Lo si apprende al termine della riunione dei capigruppo di Palazzo Madama, che hanno calendarizzato per martedì prossimo la votazione sulla relazione della Giunta per le elezioni e le immunità. L’Aula dovrà infatti esprimersi sul conflitto di attribuzione alla Corte Costituzionale contro i magistrati di Firenze che indagano sull’ex premier. I pm avrebbero inserito nel fascicolo d’inchiesta una chat con l’imprenditore Vincenzo Manes risalente al 3-4 giugno 2018, data in cui il leader di Italia Viva risultava già eletto senatore (le Politiche si erano tenute tre mesi prima). Secondo la relazione firmata dalla senatrice di Forza Italia, Fiammetta Modena, gli inquirenti avrebbero dovuto prima chiedere una formale autorizzazione al Senato, cosa che non è avvenuta.

Il voto sulla relazione: e Renzi prepara il suo J’accuse

La giunta per le Immunità del Senato ha già approvato la relazione. Quattordici i voti a favore (quelli di Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Italia Viva), 2 i contrari (l’ex presidente del Senato Pietro Grasso e l’ex M5s Gregorio De Falco), mentre i senatori di Pd e M5s si erano astenuti.

Adesso tocherà all’Aula esprimersi, con Renzi che secondo quanto riferiscono fonti parlamentari di Italia Viva ha chiesto di intervenire alle 18:00. Ecco spiegato perché, a differenza di altri parlamentari del suo partito, Renzi ha deciso finora di tenere la bocca cucita anche su una vicenda, quella della corrispondenza privata con il padre Tiziano pubblicata sui giornali, che ha scaldato non poco la base di Italia Viva, oltre che colpito sul vivo il senatore di Rignano. L’orientamento, allo stato attuale, sarebbe quello di aspettare ancora qualche giorno, di tenere a freno la lingua, per poi difendersi in Aula. In che modo? Dando vita ad un appassionato j’accuse nei confronti dei magistrati della Procura di Firenze, con un intervento dai toni durissimi, al quale Renzi starebbe già lavorando…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.