FLASH! Putin mette in allerta forze di deterrenza nucleare. Dobbiamo preoccuparci?

Vladimir Putin ha ordinato alle forze russe di deterrenza nucleare di mettersi in allerta come risposta alle tensioni con l’Occidente per la sua invasione dell’Ucraina. Lo riporta l’Associated Press, spiegando che in un incontro con i suoi alti funzionari, il leader del Cremlino ha affermato che le principali potenze della NATO hanno rilasciato “dichiarazioni aggressive” che si aggiungono alle mosse dello stesso Occidente, che ha imposto pesanti sanzioni finanziarie contro la Russia, incluso lo stesso presidente.

Putin ha ordinato al ministro della Difesa russo e al capo di stato maggiore dell’esercito di porre le forze di deterrenza nucleare in un “regime speciale di servizio di combattimento“. In un commento televisivo, Putin ha infatti dichiarato che “i paesi occidentali non stanno solo intraprendendo azioni ostili contro il nostro paese nella sfera economica, ma alti funzionari dei principali membri della NATO hanno rilasciato dichiarazioni aggressive riguardo al nostro paese”.

Dobbiamo preoccuparci? L’uso tattico della forza nucleare

Vladimir Putin ha già spiazzato gli scettici una volta. Mentre gli Stati Uniti annunciavano l’invasione come imminente, molti parlavano di allarmismo americano. Secondo l’analisi di questo blog, però, è altamente improbabile che il leader del Cremlino abbia perso lucidità al punto da ordinare un attacco nucleare (che significherebbe la sua stessa fine). La prudenza è d’obbligo, ma la sensazione è che siamo in presenza di un uso tattico della potenza nucleare russa. Putin sta dicendo all’Occidente di fermarsi, perché il prezzo inflitto a Mosca, dal suo punto di vista, è troppo alto. Allo stato attuale, dunque, sembra molto più probabile l’inizio di un negoziato che uno guerra nucleare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.