Zelensky al Parlamento inglese cita Shakespeare: “Tra essere e non essere l’Ucraina ha scelto di essere”

Un discorso drammatico quello pronunciato da Volodymyr Zelensky alla House of Commons. Rivolgendosi al Parlamento inglese, che gli ha riservato una standing ovation all’inizio e alla fine del suo intervento, il presidente ucraino ha citato il bardo di Avon, William Shakespeare, e rievocato un eroe inglese (e il suo intervento più celebre) come Winston Churchill:

L’interrogativo per noi è: ‘essere o non essere?’. Questo è il dilemma di Shakespeare. La risposta definitiva ora posso darla: è sì, essere”. Voglio ricordare al Regno Unito che noi non ci arrenderemo, lotteremo fino alla fine. In mare, per via aerea, continueremo a lottare per la nostra terra, qualunque sarà il costo. Lotteremo nelle foreste, nei campi, sulle rive, nelle strade. Vorrei aggiungere che noi lotteremo sulle rive di diversi fiumi e chiediamo il vostro aiuto, l’aiuto dei Paesi civili“.

Zelensky ha poi rivolto un’esortazione personale al premier Johnson:

Ti sono molto grato Boris. Ti prego, incrementa la pressione delle sanzioni contro questo Paese, ti prego, riconoscilo come Stato terroristico, ti prego, fai in modo che i nostri cieli ucraini siano sicuri. Fai in modo che sia fatto quello che serve e quello che è stipulato dalla grandezza del tuo Paese“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.