Il Pd preoccupato da Conte cerca Di Maio: la lunga attesa del ministro

Ma che fine ha fatto Di Maio? Ma perché non parla?“.

Mentre da una chat all’altra scorrono le immagini di un Giuseppe Conte paonazzo, intento a battere – letteralmente – i pugni sul tavolo durante una diretta Instagram in “stile Beppe Grillo”, sono i dirigenti dem a cercare disperatamente Luigi Di Maio.

Perché è improvvisamente chiaro a tutti che l’avvocato presentatosi in maniche di camicia srotolate fino ai gomiti, lo stesso che urla contro il governo e “i commentatori“, che arriva a minacciare persino gli “alleati” (“Allora non ci conosciamo!“), abbia appena inaugurato una nuova fase della sua esperienza politica.

Non è più, per intenderci, l’ex premier in pochette, dai modi compassati, che Enrico Letta sperava di confinare al ruolo di leader di una Margherita 2.0 nel famigerato “campo largo“. Il punto, si riflette al Nazareno, è che il campo non solo non è largo, ma nemmeno esiste più. Così tra i dem convivono oggi due anime: quelli che rivendicano di “averlo sempre detto” – e il riferimento è all’inaffidabilità di Conte – e quelli che invece cercano di minimizzare la svolta barricadera di Conte, continuando a seguire la linea del segretario, riassumibile nella domanda: “Sì, va bene, ma l’alternativa ai 5 Stelle qual è?“.

L’alternativa sarebbe quella di trovare il coraggio per farsi interprete di una linea riformista, cercando di dar seguito alla vocazione maggioritaria postulata per il Pd ai tempi della sua fondazione. Ma ormai sembra chiaro a tutti che Letta non abbia voglia di imbarcarsi in questa impresa. Così si arriva inevitabilmente alle domande di cui sopra. Se di Conte non ci si può fidare, se davvero ha deciso di diventare partito di opposizione all’interno del governo, allora a chi può rivolgersi il Pd? Di nuovo: che fine ha fatto Di Maio? E perché non parla?

La lunga attesa di Di Maio: le speranze del Pd e la tattica del ministro

Chi lo conosce, non è rimasto sorpreso dalle dichiarazioni che Di Maio ha consegnato alle agenzie dopo la riconferma di Conte a presidente M5s. Il ministro degli Esteri ha infatti definito l’elezione dell’avvocato un “passo deciso in avanti” per il Movimento. Paradosso stridente che a pronunciare tali frasi sia stato proprio colui che l’ex premier ha utilizzato come avversario fantasma per mobilitare la base (“Non accetterò che ci sia chi rema contro le nostre battaglie“, cit.). Eppure, fanno notare i maliziosi, Di Maio si è limitato a rilasciare una nota, senza far menzione della votazione (né prima né dopo) sui propri social. Il minimo indispensabile per non essere accusato, un domani, di aver remato contro il nuovo corso. Ed è proprio questo il punto cruciale della tattica del ministro.

Fra i fedelissimi di Di Maio si è infatti ormai fatta strada la convinzione che Conte si “autodistruggerà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.