Maia Sandu, presidente Moldova: “Transnistria a rischio destabilizzazione, pace in pericolo”

Riflettori puntati su quanto sta accadendo in Transnistria. Dopo le esplosioni delle ultime ore, a prendere la parola è stata Maia Sandu, la 49enne presidente della Repubblica di Moldova. Ecco il suo discorso:

Buon pomeriggio, Oggi abbiamo convocato una riunione del Consiglio Supremo di Sicurezza sul tema degli incidenti nella regione della Transnistria e sugli sviluppi della sicurezza nella regione. Quello che è successo nelle ultime 24 ore nella regione della Transnistria è un’escalation di tensione. Vorrei ricordare che da diverse settimane ci sono state diverse minacce di bombe nelle scuole e negli istituti medici della regione transnistriana. A questo hanno fatto seguito le esplosioni di ieri al quartier generale del cosiddetto “MGB” transnistriano (il ministero per la Sicurezza statale, ndr), l’incidente all’aeroporto di Tiraspol, e l’esplosione al centro di comunicazioni radio di Mayak. Le autorità moldave stanno monitorando con cautela e vigilanza gli eventi che hanno luogo sul territorio controllato dal regime di Tiraspol. La nostra analisi finora mostra che ci sono tensioni tra diverse forze all’interno della regione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.