Conte ha allertato i fedelissimi: “Tenetevi pronti”. E con Draghi sarà escalation

Per la prima volta da settimane, al riparo da occhi indiscreti, Giuseppe Conte ha pronunciato le parole che i suoi vice si aspettavano da lui. Dopo settimane di pressing, di ragionamenti sui passi da compiere per uscire dall’angolo in cui il Movimento 5 Stelle si è cacciato, l’avvocato ha aperto alla possibilità di uscire dal governo. L’ordine di scuderia è quello che potremmo definire come il mantra del marito fedifrago: anche dinanzi all’evidenza “negare, negare e ancora negare“. Ma secondo le informazioni raccolte da questo Blog il piano di Giuseppe Conte è stato partorito. E seguirà nelle prossime ore e nei prossimi giorni un ritmo serrato.

Il piano di Conte (alle spalle di Grillo)

Chi conosce bene l’avvocato invita a porre attenzione al linguaggio del corpo dell’ex premier in presenza di Beppe Grillo. Dinanzi alle telecamere Conte ha cercato a più riprese il contatto fisico con il Garante, ha ostentato sorrisi, dispensato innumerevoli pacche sulle spalle. Eppure, segnalano le stesse fonti, proprio in quei gesti si cela la mancata spontaneità dell’avvocato. I due, è il messaggio, non solo non si amano, ma faticano pure a prendersi. Entrambi convinti di saperne più dell’altro, con uno (Grillo) disinteressato a far colpo sull’interlocutore, e il secondo (Conte) tuttora speranzoso di portare l’Elevato dalla sua parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.