M5s, Crippa separato in casa: attacco frontale a Conte. E la lista dei dissidenti si ingrossa…

“Separato in casa”, “sull’uscio”. Anzi, ormai “con un piede e mezzo fuori dalla porta”. Sono queste le definizioni che circolano in questi minuti in relazione a Davide Crippa, il capogruppo M5s alla Camera che a meno di 48 ore dalle comunicazioni di Mario Draghi in Aula ha il potenziale per diventare l’uomo-copertina di questa crisi di governo. È infatti proprio dal presidente dei deputati pentastellati – inviso a Giuseppe Conte (ricambiato) – che secondo fonti ben informate potrebbe arrivare l’atteso “fatto politico” in grado di convincere il premier a recedere dai propri propositi di dimissioni.

Le ultime dall’assemblea M5s: l’attacco frontale a Giuseppe Conte di Davide Crippa

Nel corso dell’assemblea M5s in corso in questi minuti – qualora ci fossero ulteriori novità vi aggiornerò con apposito articolo – proprio Crippa ha preso la parola per portare un attacco frontale all’indirizzo di Giuseppe Conte. Il capogruppo alla Camera, bersaglio dei fedelissimi dell’avvocato per aver avanzato la richiesta che le comunicazioni di Draghi avvengano prima a Montecitorio anziché al Senato (fortino dei contiani), ha infatti accusato Conte di “propaganda“. La frase per esteso, riportata da fonti parlamentari è la seguente: “Dall’opposizione la vita non la migliori. Fai solo propaganda!“. Un’accusa, quella di Crippa, che tradisce le reali intenzioni di Giuseppe Conte: spostare il Movimento 5 Stelle all’opposizione senza accordare la fiducia a Mario Draghi nel voto di mercoledì. Proprio questa decisione, agli occhi di Crippa, risulterebbe incoerente, oltre che incomprensibile. Il potente capogruppo M5s ha infatti oss…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.