Popcorn elettorali (ep. 3): chi telefona Giuseppe Conte, chi candida nel M5s, chi vuole fermare con un cavillo

Il terzo episodio di “Popcorn elettorali“, la rubrica che raccoglie anticipazioni e retroscena in vista delle Politiche 2022, si apre con un appello ai partiti. A tutti i partiti, meno che al Movimento 5 Stelle: da Letta a Renzi, da Berlusconi a Calenda, da Meloni a Di Maio. Impegnatevi di più: chi scrive non vuol essere accusato di accanirsi contro i pentastellati…

I pop-corn di oggi:

  • Conte e il cavillo per fermare il ritorno di Dibba
  • Una possibile candidatura M5s
  • “Pronto sono Giuseppe…”: e Conte telefona a…
  • Pressing su Calenda per correre solo
  • Collegi centrodestra: la partita non è chiusa

Conte e il cavillo per stoppare Dibba

Alessandro Di Battista sarà candidato col Movimento 5 Stelle alle prossime Politiche? Chi scrive è convinto di no. Dibba avrà molti difetti ma non è uno stupido. Dopo aver atteso un giro non commetterà l’errore di tornare nell’agone proprio ora che le percentuali del partito rischiano di sprofondare. No, la sconfitta sarà tutta di Giuseppe Conte. E un minuto dopo il voto il “Che di Roma Nord” salterà al collo dell’avvocato. Ho detto avvocato? Dev’essere deformazione professionale (la vecchia), ma tra i contiani nelle ultime ore c’è chi ha tirato fuori un vecchio cavillo per stoppare in partenza la tentazione di Di Battista di tornare nel M5s. Ha a che fare con un regolamento interno del Movimento, che prescrive la necessità di essere iscritti alla piattaforma Skyvote da almeno sei mesi per poter essere candidati. Requisito di cui Di Battista ovviamente non dispone. E potrebbe mai “i…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *