Slitta ancora la direzione PD: Letta assediato, “turbolenze” sulle liste. A rischio anche Cirinnà

Forse non sarà la direzione dei lunghi coltelli che i più pessimisti prefigurano, ma la verità è che nel Partito Democratico sono ore di massima tensione. La direzione di Ferragosto che avrebbe dovuto mettere un punto sul dossier candidature, dopo essere stata convocata inizialmente alle 11:00 di questa mattina e poi rinviata alle 15:00, è slittata ancora.

Fonti del Nazareno parlano di “turbolenze”, ma Letta è assediato: i nodi da sciogliere

L’ultima convocazione è prevista per le 20:00, e i ben informati sottolineano che questa sarà quella buona, ma il pranzo di Ferragosto rischia di andare di traverso in particolare ad Enrico Letta.

Il segretario dem è letteralmente assediato in queste ore dalle richieste provenienti dai territori. Anche collegi che un tempo venivano dati come in cassaforte, ad esempio 13 uninominali della Toscana, non sarebbero così certi come la segreteria Pd vorrebbe far credere. Sondaggi riservati commissionati dai partiti per ogni singolo collegio girano di mano in mano e di chat in chat, costituendo la base su cui fondare i ragionamenti nella composizione delle liste. Ne deriva che il risiko delle candidature subisce degli scossoni, perché i prescelti prima di essere piazzati in questo o quell’altro collegio pretendono garanzie, più precisamente dei paracadute nei listini proporzionali. Impossibile accontentare tutti.

Colpa in primo luogo del taglio dei parlamentari, ma in generale della difficoltà di tenere insieme tutte le anime del partito. Letta è mosso da una parte dalla volontà di garantire il diritto di tribuna a leader rappresentative delle diverse anime della coalizione, dall…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.