Conte, segreti e obiettivi della campagna elettorale: avvocato su di giri, perché crede nel colpaccio

Chi ha avuto modo di parlare in queste ore con Giuseppe Conte racconta: “Non lo vedevo così carico dai tempi di Palazzo Chigi“. Non sono parole usate a caso, giacché tutti sanno – nell’ambiente della politica – che l’avvocato a Palazzo Chigi ha lasciato il cuore.

Ma qual è il “fatto nuovo” che porta il presidente Movimento 5 Stelle a vivere con entusiasmo una campagna elettorale che a dire il vero di entusiasmante ha ben poco? La risposta è che sono tante piccole cose ad alimentare la convinzione di Conte di essere “sulla buona strada per firmare un’impresa di cui sentirete parlare“.

Conte e i segreti della campagna elettorale: il social media manager, i luoghi affollati, le battute su Letta, l’obiettivo finale

Una decina di giorni fa l’avvocato si è infastidito: “Io non lavoro con i sondaggi sul tavolo, a differenza di quanto qualcuno opina o pensa“. Ma sono proprio questi ultimi, compulsati ogni giorno, a conferire fiducia e autostima all’ex presidente del Consiglio. Conte è infatti convinto di essersi risintonizzato con il sentimento del Paese. Rivendica di avere intuito “prima di tutti” che l’emergenza energia sarebbe finita in cima ai pensieri degli italiani. E per questo già da mesi ha dato mandato al proprio team di studiare le proposte contenute nei programmi di vari leader internazionali, indipendentemente dal loro schieramento, da Le Pen a Lula, perché è noto che in fatto di schieramenti non è mai stato schizzinoso.

Anche sui social Conte ha cambiato strategia. Via libera ad un approccio meno istituzionale, via la giacca, via la cravatta, via pure la pochette, per fare spazio ad un approccio più diretto, fatto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.