20 Ottobre 2022

Forte pressing europeo su Antonio Tajani: “Prenditi Forza Italia oppure molla Silvio”

Con l’abilità di dribblare i cronisti che gli è propria, con la riconosciuta capacità di eclissarsi quando i riflettori vorrebbero illuminarne il percorso, Antonio Tajani è riuscito ieri sera nell’impresa di sottrarsi ad un commento diretto degli audio berlusconiani su Vladimir Putin.

Ma anche per un fenomenale incassatore come l’ex presidente dell’Europarlamento le dichiarazioni del Cavaliere rischiano di risultare un colpo troppo duro da attutire. Il ministro degli Esteri in pectore (lo è ancora?) ha iniziato a comprenderlo mercoledì sera, poco prima dell’ora di cena. Già da un po’ i suoi assistenti gli davano conto delle agenzie al vetriolo dettate dai suoi colleghi europei, ma quando il suo telefono ha iniziato a squillare, Antonio Tajani ha compreso che la situazione si era fatta seria, che non si trattava più di rispondere ad un evidente caso di “fuoco amico” all’interno di Forza Italia, bensì ad un problema politico di natura strategica.

Il Ppe insorge e chiede a Tajani lo strappo epocale: i dettagli e l’incontro odierno

I più duri nei confronti di Silvio Berlusconi sono stati gli esponenti baltici del Partito Popolare Europeo. Loro, e poi i polacchi. Non a caso i più anti-russi della compagnia brussellese, col capo-delegazione di Varsavia nel Ppe, Andrzej Halicki, arrivato a commentare l’uscita del Cavaliere con un roboante: “Non è il momento di avere rapporti con il presidente russo Vladimir Putin, Silvio Berlusconi gli rimandi indietro la vodka!“. Parole forti, non quelle che ci si attenderebbe tra compagni di partito, certamente meno diplomatiche di quelle del portoghese Paulo Rangel, vicepresidente del gruppo Ppe all’Eurocamera, autore di un encomiabile tentativo di lanciare all’amico di lungo corso una ciambella di salvataggio: “Noi abbiamo fiducia assoluta in Tajani. Sappiamo che è impegnato a difendere i valori Ue e se vedrà che tali valori sono in pericolo sarà il primo a battersi per difenderli“,…

Lascia un commento