Obiettori di incoscienza

fontana

 

Lo avessero detto, “quelli del cambiamento”, che cambiare significava sradicare anche quel che di buono funzionava, forse avrebbero preso molti milioni di voti in meno.

Lo avessero detto, che ci saremmo ritrovati un ministro che vuole abrogare la legge Mancino, la stessa che condanna l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali, forse tanta gente perbene, tanta gente normale, moderata, paciosa, serena, c’avrebbe pensato sù un momento, prima di mettere la croce su un determinato simbolo.

Ma le uscite estemporanee di Lorenzo Fontana, di un componente inadeguato a rappresentare l’Italia al governo, per quanto si creda lui stesso paladino degli italiani e dei loro interessi, sono forse il minore dei problemi. Perché la politica – per ora e per fortuna – non si fa su Facebook. Per quanto ne possa pensare Davide Casaleggio esiste ancora il Parlamento.

Ed è lì che va in scena lo scempio sulla pelle dei bambini. La proroga di un anno alla necessità di presentare il certificato vaccinale per la frequenza al nido e alla materna è la conferma che i governanti sono più interessati al consenso che al bene comune.

Certo c’è chi si sottrae al gioco a perdere della maggioranza, le mosche bianche ci sono anche nel M5s. Come Elena Fattori, la senatrice che ha votato contro il suo partito, e che al MoVimento ha chiesto di abbandonare il “momento dell’infanzia” e di diventare finalmente “saggi, ma molto in fretta”.

Ma restano colpi che si infrangono contro un muro di gomma, bordate che non vanno a segno, perché mancano sensibilità e percezione dei rischi. Siamo tutti nelle mani di un governo che non valuta l’impatto delle proprie scelte. O se lo fa è attento a determinarne soltanto le conseguenze in termini di sondaggi e percentuale di promesse (dannose) mantenute da reinvestire nella prossima campagna elettorale.

È l’opposto della responsabilità, il contrario della serietà.

Sono obiettori di incoscienza.

Salvini e le minacce a Berlusconi. Ma stavolta caschi male, Matteo

berlusconi salvini meloni

 

In politica come nella vita, ci vuole stile. Puoi essere il più forte, il numero uno, ma se “non sai vincere”, se non hai abbastanza classe per trionfare senza strafare, allora è tutto inutile.

Salvini non solo non ha vinto le elezioni, ma è anche andato al governo. Ha potuto grazie ad almeno un paio di condizioni: il 14% preso da Forza Italia e il via libera di Berlusconi all’alleanza col M5s. Ma l’irriconoscenza non è passata di moda, neanche ora che si fa un gran parlare di “cambiamento”. No, i traditori ci saranno sempre.

Ma cosa succede se, da bulletto qual è, Salvini decide che Forza Italia dev’essere non un partito alleato, ma un movimento di servitori? Cosa succede se a questo disegno umiliante ad un certo punto, forse pure troppo tardi, Berlusconi si sottrae? Capita semplicemente che il segretario della Lega minaccia.

Minaccia di prendersi tutti gli eletti di Forza Italia che vogliono salire sul (suo) carro, minaccia di dichiarare l’esperienza del centrodestra finita, minaccia uno scisma di cui si vede vincitore certo. Minaccia, minaccia di schiacciare tutto e tutti: lo fa con la forza dei sondaggi, con quella dell’età anagrafica, con parole volgari, con atteggiamenti da savana.

Questo è lo stile di Salvini. Non quello di un leader, al massimo di un capo. Di uno sceriffo abituato a trattare “amici” e nemici con modi sferzanti. Come quando ha evocato il ritiro della scorta a Saviano, come quando ha promesso la chiusura dei porti, come quando ha lasciato centinaia di migranti in mare aperto.

Adesso è il turno di Berlusconi. Silvio, fai come ti dico o di te farò un sol boccone. Questo è il senso della mossa tutta politica di Salvini. Laddove vige la legge della giungla, il più forte pensa di poter imporre i suoi voleri.

Qui però siamo tra uomini, Salvini. E con l’uomo di Arcore, fidati, caschi male.

Dai, che Silvio si è rotto…

berlusconi arrabbiato

 

L’umiliazione più grande resterà per sempre quella delle consultazioni al Quirinale. Non quelle del Silvio-show, non quelle in cui Berlusconi contava i punti elencati da Salvini, quasi a dire: “Stiamo attenti che non te ne dimentichi nessuno, ragazzo”. No, il disagio si è manifestato in quelle successive, dove il vecchio leader, quello abituato a stare sempre al centro della scena, ha dovuto accettare la consegna del silenzio e la posizione da scagnozzo, tristemente a lato, e per giunta a sinistra del leghista: un paradosso per l’uomo che per una vita intera ha combattuto i comunisti.

Ma nel mondo ribaltato in cui destra e sinistra appaiono superate, in cui la differenza più che nei contenuti sta negli approcci, tra populismo e moderazione Silvio Berlusconi non nutre più dubbi. Il casus belli sarà anche la nomina a Presidente Rai di Marcello Foa, ma il caso si sarebbe potuto archiviare con le scuse ufficiali di Salvini, del leader emergente che offre rispetto al suo più anziano protettore. Nella realtà però c’è altro: un’insofferenza di natura umana, da parte di entrambi.

Salvini è così forte – oggi – da voler andare fino in fondo. Vuole mettere Berlusconi all’angolo: capire fino a che punto l’uomo di Arcore è pronto a spingersi. Verificare se davvero è convinto di smarcarsi ora che è più debole di sempre.

E Berlusconi sa che nel rimpallo di accuse che seguirà la probabile rottura del centrodestra non sarà facile imporre la sua versione dei fatti all’opinione pubblica. Ma va bene così, è tutto messo in preventivo. Soprattutto si è andati troppo oltre, per pensare di poter recuperare il rapporto.

Credeva di ricevere lealtà, da quella Lega che non aveva mai cannibalizzato quando invece avrebbe potuto. Chiedeva un rapporto da pari a pari, o giù di lì. Salvini ha trattato Forza Italia come un partito satellite e Berlusconi come un peso.

E alla fine è successo che Silvio si è rotto. Menomale. Per fortuna.

Che “razza” di ministro

salvini lega

 

L’Italia del 2018 è quella in cui una ragazza della Nazionale di atletica leggera, a Moncalieri, viene aggredita per il colore della pelle. Troppo scura per passeggiare da sola di notte e non essere una prostituta, troppo scura per rinunciare al tiro al bersaglio che a Daisy Osakue costerà forse la partecipazione agli Europei.

L’Italia del 2018, però, è la stessa in cui un cameriere senegalese viene insultato e picchiato a Partinico, con tanto di “vattene via, sporco negro“; è quella in cui in Calabria viene ucciso il bracciante Soumaila Sacko, quella in cui a Caserta due immigrati vengono sparati al grido di “Salvini, Salvini!”.

Ed è innegabile che la discriminante di queste aggressioni (solo una piccola parte di tutte quelle verificatesi in questi mesi) sia il colore della pelle delle vittime. Siamo diventati tutti razzisti? Assolutamente no. Siamo un Paese in cui la paura per il “diverso” ha di gran lunga superato il concetto di tolleranza e integrazione? Sicuramente sì.

Allora forse è giusto che chi ha costruito una carriera a colpi di attacchi xenofobi, provi oggi un po’ di vergogna. Negare l’evidenza come ha fatto Matteo Salvini, secondo cui in Italia non esiste un allarme razzismo, equivale a mentire. Proprio lui, che ha soffiato sul fuoco della paura diffusa nel Paese, lui che ha convinto milioni di persone che l’integrazione sia un concetto impossibile da perseguire, che la politica del “prima gli italiani” non si possa proprio conciliare con umanità e rispetto, oggi ha il dovere di fare qualcosa.

Restare in silenzio, adesso che è ministro dell’Interno, significa rendersi complice dei delitti che – purtroppo è chiaro – verranno compiuti nei prossimi mesi. Serve quello che solitamente si definisce un “cambio di passo”. Salvini potrà perdere qualche voto, ma ne ha così tanti che forse è arrivato il momento di pensare all’Italia, piuttosto che al proprio tornaconto.

Non si offenderà,  altrimenti, se parlando di lui si dirà: “Che ‘razza’ di ministro…

Di Maio scherza sull’Ilva. Ma l’Ilva non è uno scherzo

 

Manca solo l’annuncio di una diretta streaming. Poi il festival della finta trasparenza, condito da immancabile dose di populismo dilagante, meriterà realmente 5 stelle. Perché l’invito che Di Maio rivolge a 62 sigle più o meno autorizzate a discutere di Ilva in vista del confronto al Mise è uno spettacolo tragicomico di cui avremmo fatto volentieri a meno.

Perché si parla della più grande industria del Sud Italia, del più importante impianto siderurgico d’Europa, di 20mila lavoratori che per una ragione o per un’altra si trovano adesso a pochi giorni dalla perdita del lavoro. E c’è invece un ministro che preferisce buttarla in caciara, generare caos e polemiche, sbandierare trasparenza e partecipazione, quando invece è chiaro che ciò che cerca è il chiasso, l’unico strumento che ha per sovrastare l’assordante silenzio gialloverde.

Fa bene il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, a sottrarsi a questo indecoroso teatrino imbastito da Di Maio. Nessuno può pensare che in un contesto del genere si possa discutere seriamente di Ilva e del suo futuro. Sperando ne abbia uno, a questo punto.

Nessuno può credere che sia questa la maniera migliore di affrontare i problemi. Perché alla fine questo è: Di Maio scherza sull’Ilva, ma l’Ilva non è uno scherzo.