Chi di banca ferisce…

Ci sono banche e banche, evidentemente. Il salvataggio di MPS e degli istituti veneti era stato definito, da chi oggi siede al governo, come “un regalo ai banchieri“. Quello di Carige, deciso in un Consiglio dei Ministri notturno della durata di dieci minuti (10!) è invece ribattezzato – sempre da chi oggi siede al governo – “un intervento a tutela dei risparmiatori“. Parola di Di Maio e Salvini, per quel che vale.

Potenza della comunicazione, faccia tosta da vendere. Il cortocircuito, però, stavolta è evidente. Ciò che non andava bene ieri diventa oggi, magicamente, un gesto da statisti, da difensori del popolo contro gli sprechi dell’establishment dalle mani bucate. Narrazione distorta della realtà, fake news come stile di vita, doppia morale quale stella polare.

Sarà bello, tra qualche tempo, mettere insieme qualche riga. Scrivere un libro di racconti, di tutte le cose criticate e poi rifatte uguali. Altro che governo del cambiamento. Ma la verità arriva, sempre. Chi di banca ferisce…

Di Maio, i gilet gialli e la verginità perduta

Piaccia o no, il MoVimento 5 Stelle è stato per anni l’emblema dell’utopia in politica. Qualcosa va male in Italia? “Eh, ma vedrai che prima o poi i 5 Stelle…”. Racconto di un Paese che ci ha creduto, breve storia triste di una favola diventata incubo. Da salvatori della Patria ad incompiuti, da speranza concreta a simbolo vivente del “peccato, avrebbe potuto….ma alla fine non è stato”.

Luigi Di Maio si illude che basti il giallo dei gilet di Francia ad illuminare un’azione che si è ingrigita, ad invertire la rotta delle 5 stelle cadenti nell’universo politico nostrano. Auspica la nascita di un nuovo partito che si presenti in Francia, che usi Rousseau, che dreni voti alla coalizione di populisti che si presenterà alle prossime Europee. Sogna, di fatto, il ritorno ai fasti della protesta, ora che è diventato Stato.

Ma la scelta dei tempi in politica è (quasi) tutto. Così non può essere un dettaglio che Di Maio provi a mettere il cappello sui gilet gialli proprio nel momento in cui si manifesta la frattura tra il MoVimento 5 Stelle e la sua base, forse illusa ma pur sempre tradita. E non può esserlo nemmeno che l’abbraccio ai gilets jaunes arrivi quando la protesta per le vie di Francia ha perso gran parte della sua spontaneità, prestando il fianco ai violenti e ai rivoltosi.

Così affiora la comicità inconsapevole di un partito di governo che in Italia ha aumentato le tasse per 13 miliardi e in Francia sostiene chi ce l’ha con Macron perché non le ha abbassate.

E’ il canto d’un cigno triste. Di chi si illude che basti un gilet sgualcito a ritrovare la verginità perduta.

Promesse trivellate

L’ennesima giravolta, l’ulteriore conferma che le promesse valgono: sì, per accaparrare i voti e scappare. Lontano però. Lontano e a lungo. Perché è onestamente difficile pensare che il MoVimento 5 Stelle possa ripresentarsi in Puglia dopo aver promesso nell’ordine: chiusura dell’ILVA, stop a gasdotto tap e no alle trivelle. E aver fatto esattamente l’opposto.

Chiamatelo MoVimento 4 stelle, e come gli alberghi che se ne mettono una in più per attirare turisti qui il sospetto è che il meccanismo sia lo stesso nei confronti degli elettori. La stella ambientalista si è spenta, eclissata, esplosa in un universo di bugie. Come quella, la solita, che le esplorazioni petrolifere nel mare di fronte alle regioni Puglia, Basilicata e Calabria, fossero inevitabili poiché già autorizzate dal governo precedente. Peccato che nel frattempo ci siano stati sei mesi per mettere a punto la normativa sulla quale Di Maio sostiene il governo stia ancora lavorando, quella per fermare i percorsi di concessione avviati negli anni precedenti.

Lo scaricabarile continua. Sempre, su tutto. Ancora di più se si tratta di petrolio. E di promesse trivellate.

Sordi pure all’appello del Papa

Non alza i toni, il Papa degli ultimi. Ma spinge sulle parole che più pesano. L’accorato appello, innanzitutto. A chi? Ai leader europei. Perché? Affinché dimostrino concretamente. Che cosa? Solidarietà nei confronti dei 49 disperati salvati nel mar Mediterraneo.

È un messaggio politico, forse. Anzi, menomale. Perché è di politica che si sente forte l’assenza, di decisioni che appaiono scontate, e invece finiscono in pasto al baratto quotidiano della campagna elettorale permanente, alla mercè degli umori di uno, di un Salvini che procede a vele gonfie, forte del vento cattivista scambiato per rigore, di Di Maio che vorrebbe ma non può. O forse può ma non vuole. Nemmeno lui lo sa.

Così si resta in balia delle onde. Letteralmente. Strumentalizzando l’ennesima somma di egoismi nazionali, giocando sulla pelle di 49 malcapitati. Quarantanove: roba che non sposterebbe gli equilibri neanche in un paesino di mille anime.

Questione di principio insomma. Anzi, di principi. Sbagliati.

Sordi pure all’appello del Papa.

Salvini, tranquillo: sono 49 migranti, non 49 milioni

Come una maledizione che torna a colpire. Quella del 49. Come i milioni della Lega svaniti nel nulla. Ma anche come i 49 migranti della Sea Watch e della Sea Eye, una manciata di disperati che da giorni vagano per mare in balia delle onde e degli umori di Salvini. Grottesco tutto, grottesca l’Europa muta, colpevole, inadeguata. Ridicolo Di Maio, che ostenta buon cuore chiedendo che ad essere accolti siano donne e bambini: sette di numero, su 49.

Accolti, sì. Sbarcati no. Perché evidentemente il problema è pure questo: d’immagine, di pugno duro da agitare fino in fondo, fino all’ultimo, perché non si può cedere, no che non si può, non prima delle Europee. Porti chiusi, insomma. E magari pure gli occhi, nel senso che è meglio far finta di nulla, pensare che un giorno in più nel Mediterraneo, esposti al freddo di gennaio, non potrà fare poi tutta questa differenza. No?

In tutto questo la numerologia è spietata: 49, colpito e affondato. E viene da chiedersi se Salvini sarebbe pronto a barattare i soldi che la sua Lega deve allo Stato con un gesto d’umanità senza costi, se non mediatici, politici, elettorali. Ne guadagnerebbe in termini di umanità, certamente. Ma il punto è che forse non possiede la sensibilità necessaria per percepire lo scarto stridente che passa tra questi due 49 così diversi. Verrebbe quasi da scrivergli, da dirglielo per tranquillizzarlo: sono 49 migranti, non 49 milioni, forza. Falli scendere, ministro.

Sci-muniti o sci-attori?

Il sospetto che Luigi Di Maio nel suo video di buon anno abbia fatto confusione esiste. Perché “la fine dell’inizio” rivendicata da Giggino sui monti di Moena accanto al caro “Dibba” assomiglia più che altro a “l’inizio della fine”. Come dire che scambiando l’ordine degli addendi il risultato cambia. Eccome se cambia.

Resta poi da capire che cosa si avvii verso la fine. Se l’Italia in balia di un governo che vive di proclami. Se il MoVimento 5 Stelle, vittima delle sue promesse irrealizzabili. O semplicemente Luigi Di Maio, affiancato da un tutor richiamato dal Guatemala, una sorta di “navigator” personale, per dirla alla sua maniera, che da qui a maggio avrà il compito di frenare la picchiata dei grillini ed arginare Salvini.

Ne deriva una deriva. Nel senso che per stare dietro ad un politico che cavalca gli istinti peggiori, la strana coppia dovrà giocoforza appiattirsi su una partita fatta di temi populisti e popolari.

In tutto questo c’è poi il gioco delle parti. Perché su un messaggio di due minuti, Di Battista parla meno di 20 secondi. Quasi Di Maio avesse voglia di riaffermare i ruoli gerarchici: qui comando io, qui la linea la detto io. Come no? L’invito è ad osservare Dibba nel minuto e 40 di monologo “giggesco”. Si agita inquieto, muovendosi avanti e indietro sulle punte. Sorride e guarda Di Maio con occhi felini. Come quelli di chi sa che dalla caduta dell’altro dipende anche la propria ascesa.

Perché, restando in tema di montagna, è pure apprezzabile lo slalom tentato da Luigi: i paletti da evitare sono da una parte quelli di una base grillina delusa, dall’altra quelli di un Salvini che rende la pista scivolosa ad ogni sterzata. Ma l’impressione definitiva è che Di Maio e Di Battista sappiano bene che il loro ostentato idillio è destinato a sciogliersi come neve al sole. Sci-muniti o sci-attori? Forse più la seconda.

Le pagelle dei politici nel 2018, secondo me

pagella politica

La cosa buona del 2018 a livello politico? Che sta per finire. Battute a parte, analizziamo l’anno che è appena trascorso. Doppia pagella per i protagonisti principali: un voto “generale”, diciamo “oggettivo”, e un’altro “personale”, le pagelle secondo me.

MATTARELLA, VOTO GENERALE: 9. Messo di fronte al terremoto politico del 4 marzo è riuscito nell’impresa di far nascere l’unico governo veramente possibile. Sempre vigile nei momenti più delicati, su tutti il caso Diciotti, quando il suo intervento ha sbloccato lo stallo inumano sui migranti imposto da Salvini. Avrebbe certamente preferito altri interpreti alla guida del Paese, ma come dice Paolo Savona (non uno a caso) “‘chest so’ ‘e carte e cu chest s’adda jucà”. VOTO SECONDO ME: 10. Ha tenuto insieme un Paese che nei giorni della formazione del governo rischiava l’implosione. Offeso sul personale da Di Maio, che ne ha vergognosamente chiesto l’impeachment, ha continuato a difendere la Repubblica e si è fatto garante della Costituzione. Sergio Mattarella è un gran signore e un grande Presidente. Godiamocelo.

SALVINI, VOTO GENERALE: 8,5. Politicamente non si può negare sia l’uomo dell’anno. Ha sconfitto Berlusconi in casa sua, portato la Lega dal 4 al 17% delle elezioni, e i sondaggi lo danno ora sopra il 30%. Di più: è andato al governo e chissà come (eh, chissà) ne è diventato il padrone assoluto. E’ l’uomo più popolare del momento, il dominus della scena italiana. Gli mancano un paio di step: vincere le elezioni da solo per diventare premier e conquistare l’Europa. VOTO SECONDO ME: 4,5. E’ il megafono del razzismo di Stato, il traditore di milioni di elettori di centrodestra che hanno votato Lega e si sono ritrovati con Di Maio. Il Nord produttivo inizia già a borbottare, la politica economica del governo non è quella promessa. Fornero superata? Macché. Prima o poi gli italiani si stancheranno dei tweet con pane e nutella, capiranno che c’è altro oltre alla battagli anti-migranti, si accorgeranno che c’è vita, oltre Salvini.

DI MAIO, VOTO GENERALE: 6. A Giggino quel che è di Giggino: si è candidato e ha preso il 32%. Bravo. Poi basta però. Tanto caos e tante retromarce. Ilva chiude? No. Il Tap salta? No. La prossima promessa tradita (per fortuna) sarà sulla Tav. La manina denunciata da Vespa, che si è poi scoperta essere la sua, è stata una gaffe clamorosa. Nel 2019 si gioca tutto sul reddito di cittadinanza. VOTO SECONDO ME 4,5: La sceneggiata sul balcone di Palazzo Chigi è da censura, la frase per cui la povertà è stata abolita lo perseguiterà per sempre, purtroppo.

CONTE, VOTO GENERALE 5,5. Nelle ultime settimane si è ritagliato un ruolo da mediatore tra Salvini e Di Maio, è andato in Europa a fare la parte del poliziotto buono. Però da avvocato del popolo è diventato avvocato del governo, il ché non depone bene…VOTO SECONDO ME: S.V. Conte chi?

RENZI, VOTO GENERALE: 5. La sua colpa più grande è, per dirla alla sua maniera, quella di non aver usato il lanciafiamme nel Pd. Ha fatto salire a bordo più o meno tutti. E il 4 marzo è andato a fondo con tutta la barca. Giuste le dimissioni il giorno dopo la debacle. Giusto l’aver ostacolato l’intesa col M5s. Lo volevano gli elettori. Talento ha talento, eppure…VOTO SECONDO ME: 5,5. Da troppo tempo è chiaro che Renzi e il Pd non hanno nulla da condividere. Serve coraggio per lanciare un nuovo partito, per ammettere che quella casa non è la sua, che forse non lo è mai stata. Ogni giorno nel Pd è un giorno perso.

BERLUSCONI, VOTO GENERALE: 5. Per la prima volta un candidato di centrodestra, Salvini, prende più voti di lui. Forza Italia è ai minimi storici. E l’età avanza. Lui non si arrende, è vero, ma le prossime Europee possono essere l’ultimo atto della sua storia politica. O risorge per l’ennesima volta o questa volta è finito, davvero. VOTO SECONDO ME: 6. Per ciò che è stato il 4 marzo, riletto oggi quel 14% ha del miracoloso. Berlusconi è un leone ferito, ma pur sempre un leone. Raggiunge la sufficienza in extremis: l’iniziativa dei gilet azzurri è il segnale che finalmente ha elaborato il lutto del tradimento della Lega. C’ha messo un po’ troppo, ma meglio tardi che mai. E poi c’è la scena al Quirinale, quella in cui conta accanto a Salvini. Momenti da ricordare…

Gilet azzurri, perché Berlusconi è ancora un genio

Come se ad un tratto fosse uscito dal letargo comunicativo che è fisiologico della sua età. Perché Silvio Berlusconi è figlio di una generazione non abituata a twittare sul pane e nutella, non dà la “buonanotte, amici”, non manda “bacioni” e non spande “vi voglio bene” a raffica sui social. Ma Berlusconi è pur sempre Berlusconi. Se vuol mandare un messaggio chiaro, diretto, il messaggio arriverà chiaro, diretto. E in questo caso assume i contorni di pettorine blu che invadono la Camera, di gilet azzurri alla maniera dei gilet gialli, ma non violenti, sia chiaro.

E da qui si ha la conferma che Berlusconi avrà perso voti, ma non lucidità di pensiero. Perché è vero che qualcuno in Italia aveva provato ad esportare qualcosa della protesta anti-Macron. “Saremo i gilet gialli italiani”, avevano azzardato alcune categorie di lavoratori, ad esempio gli Ncc, in risposta alle prime promesse tradite del governo. Ma Berlusconi colora le pettorine di azzurro e non le lascia vuote.

Le marchia col suo mantra preferito: “Basta tasse”. E ancora: “Giù le mani dalle pensioni”. Oppure: “Giù le mani dal no-profit”. Concetti chiari, semplici, mirati, capaci di unire tutto l’arco parlamentare che non sia grillino o leghista.

Perché poi, diciamocelo chiaramente, i gilet azzurri, comparsi in Aula il 29 dicembre, sono anche i primi segnali del 2018 di vera opposizione di Forza Italia alla Lega. Sì, va bene l’eroico Brunetta, che da tempo ricorda a tutti che Salvini ha tradito. E d’accordo, quasi sempre FI ha votato contro l’esecutivo. Ma un conto è l’attività parlamentare, altro conto è Berlusconi che chiama la piazza.

Come se avesse finalmente capito il gioco di Salvini, come se fosse venuto a patti con l’idea che il 4 marzo è stato sì un incubo, ma purtroppo non un’illusione. I gilet azzurri sono la presa d’atto che il centrodestra modello ’94 è finito per sempre, accoltellato dall’uomo-felpa. E sono anche la prova che l’uomo di Arcore è passato all’opposizione, per davvero. Che il vento non gonfia più le vele del governo come prima, che di spazio per mettersi di traverso ce n’è, ce ne sarà. Che Berlusconi è ancora un genio.

Di Maio e Salvini, via le felpe degli italiani

Della “felpa” come strumento di comunicazione politica Matteo Salvini è stato l’ideatore. Al completo giacca e cravatta degli statisti ha sostituito il messaggio dell’uomo di strada, l’omaggio locale alla città di turno che si apprestava a visitare (e conquistare). Poi è arrivato il salto di qualità securitario. Non solo felpine con la scritta “Milano” o “Piasenza”. L’uomo che deve difendere l’Italia dagli immigrati e dai criminali deve identificarsi con le forze dell’ordine. Da qui le sfilate con la maglia della polizia di stato, il cappello della Marina, la polo della Brigata San Marco, il giubbotto dei vigili del fuoco. E chissà quanti altri ne dimentico.

Di Maio, che da qualche tempo a questa parte ha iniziato a copiare le strategie social del collega di governo (ne sono un esempio le liste bugiarde su Twitter sulle cose fatte e non dall’esecutivo), si è presentato ieri in Sicilia con la felpa della Protezione Civile suscitando la forte reazione di Guido Bertolaso, l’uomo che ha affrontato in maniera eccellente l’emergenza del terremoto dell’Aquila e che ha pagato con accuse infamanti (poi smentite) la sua amicizia con Silvio Berlusconi. In qualità di ideatore di quel logo, e in relazione alle tante critiche rivolte in questi anni alla Protezione Civile proprio da Di Maio e soci, Bertolaso ha invitato il vicepremier a togliersi quella felpa.

Può sembrare un elemento marginale, ma non lo è. Si tratta di simboli, di una comunicazione deviante. Se Salvini e Di Maio svolgessero il loro ruolo da ministri come uomini delle istituzioni, nel senso di esponenti super-partes, allora non ci sarebbe nulla di male nel vederli vestiti con le divise dei corpi dello Stato. Trattandosi però di politici che alla campagna elettorale permanente non hanno rinunciato neanche adesso che sono al governo, il discorso cambia.

Se proprio ci tengono tanto, però, potrebbero lanciare una linea di abbigliamento. Per il Black Friday avevo proposto la nascita del negozio “Sovranisti&Populisti”. Non sono tanto sicuri di voler fare società per sempre o nemmeno per 5 anni? Allora diano mandato di disegnare le rispettive polo, camicie (anche scure ma al massimo verdi), scarpe e magliette di M5s e Lega. Ma lascino in pace le felpe degli italiani.

“Pacchi” di Natale

Te ne accorgi subito, con quell’istinto sviluppato in tanti anni di onorata carriera, se dentro la carta, che hai amabilmente strappato con controllata foga animalesca e accurata tranquillità mascherata, c’è un regalo riciclato. Avranno pure acquistato una busta nuova dello stesso negozio per provare a fregarti, ma non ti ingannano, lo sai bene che quello è un bluff.

Lo stesso pensiero è balenato in queste ore a chi ha pensato di dare un’occhiata alla Manovra pasticciata del governo. Perché non servono le liste fake di Luigi Di Maio ad aggiustare una sostanza che è fatta di bugie e, diciamola tutta, pure porcate.

Basta pensare alla norma ingrassa-corrotti. Perché se Salvini da una parte scrive su Twitter #lamafiamifaschifo, dall’altra la Lega (con il lasciapassare del M5s) regala ai Comuni l’affido diretto degli appalti di importo fino a 150 mila euro, senza dover motivare la scelta e senza competizione tra aziende. Un pacchettino per i clan desiderosi di fare nuovi affari.

Magari fosse finita qui. Dentro la carta regalo c’è il via libera a chi esercita professioni sanitarie senza titolo. Un fatto grave, che non si può giustificare in nessun modo, perché mette a rischio in primis la salute dei pazienti, perché spalanca le porte alla confusione, perché denigra il merito, alla faccia del cambiamento. Un pensierino sotto l’albero dei malati, che già non hanno grande voglia di festeggiare, da oggi faranno i conti anche con l’insicurezza di essere finiti tra le mani sbagliate (ma autorizzate).

Per non parlare delle “palle di Natale”: ce n’è una per quota 100, una per il reddito di cittadinanza, una per gli investimenti spariti, una per le tasse sulle associazioni no profit che fanno volontariato, una per lo stop alle assunzioni nella pubblica amministrazione e nelle università. Un albero pieno di palle.

E non continuiamo. Perché è la vigilia. E non vogliamo guastarla a nessuno. Per il momento basta questo: al governo ci siamo ritrovati dei “pacchi”. Falsi, contraffatti, di qualità scadente. Non proprio i regali di Natale che avremmo sperato.