Giuseppe Conte è stato onesto

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte questa sera è stato onesto. Così come onesto è stato stamattina questo blog, quando ha mosso nei suoi confronti dure critiche dopo l’esito dell’Eurogruppo di ieri notte.

Sì, Giuseppe Conte è stato onesto. Perché ha avuto il coraggio di ammettere che al netto dell’ottimo lavoro del ministro Gualtieri, la risposta europea al coronavirus è ancora “insufficiente“.

Non ha smentito se stesso, Conte, che per primo aveva fissato traguardi politici ambiziosi. Non è stato come certi suoi tifosi, quelli che in nutrito numero, fino a poche ore fa, descrivevano la riunione tra i ministri delle Finanze come qualcosa di vicino al leggendario, una sorta di “ti ricordi quella notte in cui Gualtieri ha strappato un Mes senza condizionalità sulle spese sanitarie?“.

Non è andata così. E Conte lo ha ammesso parlando di “primo passo”. Ribadendo davanti agli italiani che ogni risultato in sede di trattativa, anche il migliore possibile (gli eurobond) finirebbe per essere decretato vano non dall’opposizione, ma dalla Storia (quella che un po’ troppo spesso chiama in causa), qualora arrivasse tardi.

Conte è stato onesto. Sì, è stato onesto nel citare le bugie di una parte dell’opposizione: Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Gli stessi che questa mattina (verificate pure) avevamo accusato di distorcere la realtà, di fare campagna elettorale spicciola, descrivendo Gualtieri (povero) intento a svendere l’Italia in teleconferenza con gli omologhi ministri economici del Vecchio Continente.

Ancora una volta: Giuseppe Conte non è Churchill. Volendo restare in casa nostra: non è neanche Alcide De Gasperi. Ma se oggi Giuseppe Conte appare uno statista, un gigante rispetto a molti (non tutti) nani politici, è perché qualcuno gli consente di segnare gol a porta vuota. Chi? Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Ha ragione, Conte, quando dice che questa opposizione indebolisce la forza negoziale dell’Italia. Ha ragione su tutta la linea. Aggiungiamo: la vorremmo pure noi, che tanto teneri nei suoi confronti non siamo mai, un’opposizione seria, responsabile, quanto meno a trazione diversa.

Ma Conte non può nascondersi dietro le debolezze altrui. A rappresentare l’Italia è lui, lui soltanto. Lui a nome di 60 milioni. Lui a nome, pensate un po’, anche di Salvini e Meloni.

Sì, Giuseppe Conte è stato onesto. Continui ad esserlo anche domani, e fra 10 giorni, e fra un mese. Quando dovrà raccogliere i frutti del suo lavoro, delle sue posizioni, dei suoi soli sforzi. Resti onesto anche se alla fine non avrà ciò che ha promesso. Resti onesto nelle intenzioni, nelle dichiarazioni davanti agli italiani. Resti onesto e ci dica che la sua strategia non ha pagato, resti onesto e ci dica che ha perso la partita. Perché in politica si può perdere. Ma non perda ciò che altri hanno già perso da tempo: la dignità. Di chi parlo? “Questa volta lo devo dire, devo fare nomi e cognomi: Matteo Salvini e Giorgia Meloni“.

Giuseppe Conte non vuole tornare a fare l’avvocato

Giuseppe Conte al Quirinale

Sul finire del 2019, mentre gli italiani sono ancora in clima natalizio, col nuovo anno alle porte, Giuseppe Conte sceglie di comunicare al popolo di cui si è auto-proclamato avvocato, che di tornare a fare l’avvocato con la toga non ha più voglia.

La svolta è di quelle importanti ed è la conferma di alcuni punti emersi negli ultimi mesi:

  • Conte non è il fantoccio che qualcuno aveva descritto in maniera troppo affrettata.
  • Conte è dotato di un carattere, o forse sarebbe meglio dire di un ego, non indifferente che lo ha portato ad apprezzare l’ebbrezza che solo il ruolo da protagonista sul palcoscenico politico regala. Dietro le quinte? Mai più.
  • Conte che dice “qualsiasi contributo mi troverò a dare sarà comunque in linea con la mia inclinazione che sabato ho esplicitato: sono un costruttore, non sono divisivo” si sta ufficialmente candidando a nuovo Prodi. La prospettiva è quella di nuovo federatore del centrosinistra, il leader di un rassemblement che abbia il suo interno il Pd e il MoVimento 5 Stelle. In questo schema molto lineare il nostro Azzeccagarbugli non tiene conto di due problemi: uno è Renzi, l’altro è Di Maio. Ce lo vedete il leader di Italia Viva a fare il porta-voti di Conte? Io onestamente no. E Di Maio, secondo voi, scalpita all’idea di consegnare a Conte le chiavi del MoVimento dopo essersi fatto portare via la maggioranza anche in Consiglio dei Ministri? Non credo.

Il passaggio che però più mi ha colpito nel colloquio con “La Repubblica” è un altro. Al già di per sé disarmante “non vedo un futuro senza politica” bisogna aggiungere il seguito: “Non mi vedo novello Cincinnato che mi ritraggo e mi disinteresso della politica“.

Ripeschiamo i libri di storia. Chi era Cincinnato? Tito Livio ne fa un esempio di “statista” dell’età repubblicana romana. Descrive questo console e dittatore come un uomo integerrimo, laborioso, votato alla causa pubblica. La storia narra che una volta esaurito il suo incarico, Lucio Quinzio Cincinnato (cognomen che significa “riccioluto”) rifiutò il secondo mandato e si ritirò nei campi. La situazione a Roma, però, senza di lui precipitò. Fu proprio nelle sue terre che lo trovarono i messaggeri inviati dal Senato: Cincinnato veniva infatti considerato l’unico in grado di ristabilire l’ordine. Vedendoli arrivare, l’uomo disse ironicamente: “Va tutto bene, vero?”. Da uomo delle istituzioni qual era, Cincinnato non poté sottrarsi al richiamo di Roma. Per ricevere gli ordini del Senato, però, necessitava di un abbigliamento consono all’occasione: per questo, mentre si ripuliva dal sudore e dalla polvere dei campi, chiese alla moglie di riprendergli la toga che aveva da tempo conservato. Compiuta la sua opera per Roma, Lucio Quinzio Cincinnato tornò alla sua umile vita agricola, rinunciando alla toga.

Quella stessa toga che, ai giorni nostri, è per Conte il simbolo di una professione passata, dimenticata, ritenuta inadatta a rappresentare al meglio la sua metamorfosi. Dice di non sentirsi indispensabile, ma preferisce la ribalta della vita pubblica all’umiltà dell’uomo di Stato. Conte ha ragione: non è Cincinnato.

Mes-ti al traguardo

Giuseppe Conte

C’è un clima di falsa attesa. Come se la riunione di maggioranza in programma oggi a Palazzo Chigi potesse invertire il senso di marcia di un’esperienza di governo mai realmente partita. O più semplicemente: come se il Mes fosse il vero problema in grado di far saltare il governo. Non è così. Non c’è nessun complotto, nessun “tradimento” da parte di Giuseppe Conte. Lo scrive chi non ha mai provato particolare simpatia per l’autoproclamato “avvocato del popolo” al punto da averlo ribattezzato quasi subito “avvocato Azzeccagarbugli“. C’è però un problema, al di là delle rassicurazioni di Gentiloni e dell’establishment europeo, che economisti di livello e non imputabili di simpatie sovraniste hanno ammesso. Cottarelli, Galli, Visco: tutti hanno riscontrato dei rischi nella riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità così concepita. Ne abbiamo parlato qui. O sono impazziti o c’è dell’altro.

Da parte del Pd la voglia di non cedere su tutto alle richieste M5s. E da parte del MoVimento la volontà di non concedere troppo terreno alla propaganda di Salvini, capace di fare il populista anche quando avrebbe qualche ragione da vendere. Sarebbe bastato dire che la riforma non è vantaggiosa per il nostro Paese, elencare i rischi senza farne una questione di sovranismo, ma di tutela dell’interesse nazionale. Una differenza non sottile ma spessa.

L’appuntamento politicamente più interessante, più che il vertice di governo in programma in serata, sarà quello che vedrà Giuseppe Conte parlare alle Camere. E’ lecito attendersi una riedizione del 20 agosto, quando il premier in Senato divenne almeno in un’occasione “bellissimo”, affrontando in un sol colpo tutta l’incoerenza di un Salvini che aveva aperto la crisi nella speranza di passare all’incasso.

Domani potrebbe accadere qualcosa di simile rispetto alle accuse sul Mes: e quanto più Conte citerà direttamente gli attacchi di Salvini, personalizzando lo scontro, tanto più vorrà dire che il premier ha intenzione di continuare la propria esperienza politica. Anche dopo che questo governo sarà finito.

Non troppo tardi, insomma, se come sembra il Mes sta trasformandosi in ciò che fu la Tav per il governo gialloverde. Un “casus belli” per dirsi addio. Per conclamata incompatibilità. Per debolezza di idee. Per assenza di visione. Mes-ti al traguardo.

Il Conte-bis comincia male

Giuseppe Conte è caduto nella trappola più pericolosa per ogni premier che si appresti a chiedere la fiducia alle Camere: quella di rendersi protagonista di un elenco di proposte più simile ad un libro dei sogni che ad una serie di credibili obiettivi programmatici.

Nella sicumera ereditata dalla crisi, evidente al punto che anche il presidente della Camera, Roberto Fico, è costretto a ricordargli che spetta a lui – e a lui soltanto – richiamare i deputati che disturbano il suo intervento (a dire il vero in maniera a tratti indecorosa per il Parlamento), Conte sciorina una serie di ovvietà a cui manca forse soltanto la speranza della pace nel mondo per potersi dire veramente completo.

Parla in sequenza di “nuova e risolutiva stagione riformatrice“, di “crescita e sviluppo sostenibile” da perseguire in sede di sessione di Bilancio (sì, ma come?). Non rinuncia alla sua predisposizione verso gli orpelli dialettici, quando si riferisce ad un governo che – a suo dire – si caratterizzerà per elementi di “forte novità” in fatto di “impostazione“, “impianto progettuale“, inversione degli “indirizzi meno efficaci” e “sforzo di affrontare con rapidità situazioni critiche“. Insomma, il nulla ma detto bene.

Non potevano mancare nell’ordine la promessa di “ampliare la partecipazione alla vita lavorativa soprattutto tra i giovani del Mezzogiorno“. Così come trovano spazio vecchi ritornelli su “contrasto al precariato“, “abbattimento del divario Nord-Sud” e “contrasto del dissesto idro-geologico“, “ricostruzione aree terremotate“. Tutto già sentito.

Il festival della banalità vede il suo compimento quando Conte esige che “tutti devono pagare le tasse, ma proprio tutti“. Ma è un peccato che su nessuno di questi temi, a partire dalla necessità di “evitare l’aumento dell’Iva” e di “avviare un alleggerimento del cuneo fiscale“, fino alla promessa di “azzerare le rette degli asili nido come primo provvedimento” (bene) non sia stata spesa una parola che sia una su come si intende farlo e su dove si vogliono trovare le risorse per farlo.

Il meglio del suo repertorio, Conte, lo fornisce ancora una volta nell’opporre il suo stile a quello di Salvini (ti piace vincere facile, Giuseppi). Nel “solenne impegno” a “curare le parole, adoperare un lessico più consono e più rispettoso delle persone, della diversità delle idee“, nella rivendicazione di una lingua del governo “mite“, nonché di un “metodo di condotta politica” caratterizzato da “equilibrio e misura, sobrietà e rigore” e di un “uso responsabile dei social network“, c’è il meglio di un discorso non entusiasmante, in linea col Conte pre-crisi.

Nella promessa “revisione” della concessioni autostradali “senza nessuno sconto per interessi privati“, così come nella volontà di mantenere intatti i decreti sicurezza, da integrare con le “osservazioni formulate da Mattarella“, si annida un pericoloso equivoco: la sintesi di posizioni diverse, spesso opposte, che rischia di sfociare in un “maanchismo” dannoso per il Paese.

Il delitto (quasi) perfetto

Salvini

“Non c’è più una maggioranza”: usa questa espressione Matteo Salvini per invocare il ritorno al voto. Quasi fosse subentrato un fatto nuovo, come se non sapesse da sempre, da quando ha firmato il contratto di governo con Di Maio, che il MoVimento 5 Stelle il Sì alla Tav non l’avrebbe mai potuto votare.

Era questo, fin dall’inizio, insieme alle autonomie, il tema designato per lo strappo, la scusa buona da usare come exit strategy quando le cose si fossero complicate maledettamente. Ma il paradosso è che il governo cade non perché la Tav non si farà, ma perché i grillini (per una volta) sono stati coerenti con loro stessi.

Non gli ha concesso di salvarsi la faccia, Salvini, che nel gioco del cerino è costretto a scottarsi le dita, almeno un po’. Però se Conte e Di Maio non hanno avuto il coraggio e la dignità di ritrarsi prima di lui, se i 5 Stelle sono ora troppo presi dal panico che comporta loro la prospettiva di un ritorno al voto (e dunque a casa), onestà intellettuale vuole che si denunci l’inganno di un leader che non ha avuto neanche il coraggio di assumersi la piena responsabilità della rottura.

Parla, Salvini, di insulti quotidiani (anche questi non una novità nel reciproco teatrino di stoccate e veleni) e non si nega un’ultimo sprazzo marcatamente populista, con quel passaggio dedicato ai parlamentari che “a meno che non vogliano a tutti i costi salvare la poltrona possono tornare a lavorare la settimana prossima, come fanno milioni di Italiani“. Spettacolo.

Ma il punto è un altro: nel piano studiato nei dettagli da giorni (solo un caso la tempistica della rottura di Toti con Forza Italia?), nella drammatizzazione che ha anticipato il comunicato di oggi, giunto appena in tempo per l’apertura dei TG, Salvini ha agito sulla base di un calcolo che prescinde dalla condotta dei 5 Stelle. La prossima manovra lacrime e sangue, i sondaggi che oltre una certa soglia non possono andare. Tutto ha portato a pensare che era questo il momento: quello dell’ora o mai più.

Sembra il delitto perfetto. La coltellata che ti aspetti ma non vedi arrivare. Con un grande “se” da verificare: la gestione della crisi. Quella spetta a Mattarella. E lì Salvini può solo attendere. E sperare.