Un Affare di Famiglia

Ci era stato detto, a più riprese, che dopo le Europee nulla sarebbe cambiato nel governo. Un po’ un paradosso per l’autoproclamato “governo del cambiamento”. Ed in parte è stato vero. Non sono cambiate le polemiche sul nulla, le risse verbali nelle interviste, le accuse a mezzo social, le indecisioni sui fatti concreti, i numeri allarmanti sull’economia, le previsioni di (de)crescita stagnante, le tattiche di distrazione di massa. Su un punto, però, Matteo Salvini, vincitore annunciato delle Europee, era stato chiaro: nessun rimpasto di governo.

Ora ci dicano cos’è la nomina di Lorenzo Fontana a ministro degli Affari Europei se non un rimpastino, una rivendicazione per il risultato del 26 maggio, un premio per il successo nelle urne, un esercizio di equilibrismo nel nome del potere e delle poltrone.

Alla Famiglia va invece Alessandra Locatelli, vicesindaco di Como nota al grande pubblico per umanità (memorabili le sue crociate contro l’elemosina ai clochard) e rispetto delle istituzioni (come quando chiese agli amministratori della Lega in Lombardia di rimuovere la foto di Mattarella dagli uffici pubblici).

Certo non sarà facile per lei fare peggio di Fontana al ministero. Ininfluente nella capacità di incidere sulla vita delle famiglie italiane, dimentico dei disabili che avrebbe dovuto invece tutelare, attento soltanto a discriminare, dividere, offendere, un po’ come fatto col patrocinio del Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona. C’è da sperare che Fontana faccia meglio nel suo nuovo ruolo, che per esempio partecipi alle riunioni in Europa tra ministri, non prendendo ad esempio Salvini, suo ex compagno di banco a Strasburgo (per poco, a dire il vero, visto che Matteo il suo scranno lo ha occupato raramente).

Ora chissà se dopo questo rimpasto qualcuno si deciderà a dare qualche risposta: sul futuro di Alitalia e di ILVA, sulle Autonomie e sulla TAV, sulla Flat Tax e sull’IVA, giusto per citare qualche argomento di poco conto. Vabbé che ormai lo abbiamo capito: è solo un Affare di Famiglia…

Perché il Congresso delle Famiglie di Verona è una porcata

Quando una carica istituzionale, in questo caso il vice-presidente del Consiglio, decide di prendere parte ad un evento dal così alto valore simbolico come quello del Congresso delle Famiglie di Verona, non può valere il discorso secondo cui di quella manifestazione si abbracciano soltanto i concetti che fanno più comodo.

Ci spieghiamo: Salvini che dice di andare a Verona per “pappagallare” e strumentalizzare le parole del Papa (e non è la prima volta) sulla famiglia formata da un uomo e una donna deve assumersi le responsabilità di tutto il pacchetto che il convegno rappresenta. Un esempio più chiaro, alla portata del leghista: è come se un musulmano moderato si presentasse ad un ritrovo di terroristi di Al-Qaida sostenendo che di fondo c’è la comune fede in Allah. Poi se gli estremisti ammazzano le persone è un problema loro. Chiaro il paragone?

Una volta spiegato il “principio” per cui Salvini sbaglia ad andare a Verona, entriamo nella sostanza. Perché sullo stesso palco del nostro vicepremier salirà ad esempio Dmitri Smirnov, esponente della Chiesa ortodossa russa, secondo cui le donne che scelgono di abortire sono “assassine e cannibali“. C’è poi un liberale come Jim Garlow, pastore americano secondo cui le coppie omosessuali ridurranno la nostra società in schiavitù e sono uno strumento del Demonio per distruggere Dio. Ha ritirato la sua partecipazione in extremis la signora Silvana De Mari, italiana, secondo cui
l’atto sessuale tra due persone dello stesso sesso è una forma di violenza fisica usata anche come pratica di iniziazione al satanismo“. E’ evidente che la sua assenza sarà compensata dalla nigeriana Theresa Okafor, che ha
sostenuto la legge che prevede pene di reclusione fino a 14 anni per i membri di coppie omosessuali.

Ora l’elenco è lunghissimo, si potrebbe continuare all’infinito, ma è chiaro che a Salvini sfugge un concetto: quello di libertà. Perché non basta difendersi da Barbara D’Urso dicendo che ognuno nella sua camera da letto può fare quel che vuole se poi ci si mescola con personaggi di questo tipo, se si strizza l’occhio a posizione omofobe e anti-femministe, se le si avalla con la propria presenza, “da ministro e da papà”, come ama ripetere a sproposito ormai su ogni questione.

E attenzione a non cascare nella scusa ufficiale dei leghisti, quella che per intenderci fa capo al ministro Fontana, secondo cui il vero problema dell’Italia sono le culle vuote. Non è partecipando al Congresso delle Famiglie di Verona che aumenterà la natalità. Per farlo sarebbe stato più utile trascorrere una giornata in Parlamento o in Consiglio dei ministri, adottare delle misure concrete come gli sgravi fiscali per chi assume le donne, le stesse che una gravidanza spesso non possono nemmeno sognarla perché non hanno un lavoro; stanziare un assegno di maternità universale e misure di sostegno per le famiglie più numerose. Sono queste le politiche che aiutano la famiglia “naturale”, sono queste le cose da fare per passare veramente “dalle parole ai fatti”. Non le vergognose passerelle affianco a personaggi da cui prendere le distanze senza se e senza ma.

Perché le famiglie “tradizionali” italiane non sono formate da estremisti, oltranzisti, omofobi e antifemministi. Le famiglie “tradizionali” italiane sono composte da gente perbene che coltiva le proprie convinzioni ma riconosce i diritti altrui. Non come al Congresso delle Famiglie di Verona, che è una porcata, punto.