Salvini lasci in pace papa Wojtyla (e non dica bugie, che è peccato)

 

Matteo Salvini è l’uomo che agita il rosario, che mostra il Vangelo e giura su di esso. Ma da ieri è anche il politico che strumentalizza le parole di un santo nel giorno dell’Immacolata Concezione. Il riferimento alle parole di papa Wojtyla è un colpo basso che più basso non si può. Il tentativo di giustificare il sovranismo ottuso professato dalla Lega estrapolando frasi decontestualizzate risalenti a 36 anni fa è un oltraggio alla memoria di San Giovanni Paolo II e all’intelligenza di chi quel papa lo ha amato e conosciuto talmente bene da sapere che in questo momento si sta rivoltando nella tomba.

Ma a Salvini bisogna rispondere sul punto. Il ministro ha detto che papa Wojtyla parlava dell’Europa come “unione di popoli distinti etnicamente, parlava di una grande varietà di culture, parlava delle ricchezze delle singole civilizzazioni nazionali, auspicava di veder nascere dalle varietà delle esperienze locali e nazionali una nuova e comune civilizzazione europea“.

Punto primo, Salvini: c’è differenza tra “distinzione etnica” e “razzismo”. Studia.

Punto secondo: la varietà di culture non impedisce una condivisione dei saperi.

Punto terzo: nessuno nega che le singole civilizzazioni nazionali siano una ricchezza.

Punto quarto: lo dice il papa, “varietà delle esperienze locali e nazionali” per formare “una nuova e comune civilizzazione europea”. Leggi.

Infine un passaggio che può essere illuminante. Leggere fa bene, in particolare leggere “tutto”, non soltanto i passaggi decontestualizzati che fanno più comodo.  Esortazione apostolica di Giovanni Paolo II, paragrafo 101 di “Ecclesia in Europa”: “Di fronte al fenomeno migratorio, è in gioco la capacità, per l’Europa, di dare spazio a forme di intelligente accoglienza e ospitalità. È la visione “universalistica” del bene comune ad esigerlo: occorre dilatare lo sguardo sino ad abbracciare le esigenze dell’intera famiglia umana. Lo stesso fenomeno della globalizzazione reclama apertura e condivisione, se non vuole essere radice di esclusione e di emarginazione, ma piuttosto di partecipazione solidale di tutti alla produzione e allo scambio dei beni“.

Salvini lasci in pace papa Wojtyla (e non dica bugie, che è peccato).

Piazza del Populista

 

Il controsenso più clamoroso della manifestazione della Lega sta nella scelta della data. Perché se l’8 dicembre si celebra l’Immacolata Concezione, è vero anche che di “immacolato” non c’è proprio nulla nella “concezione” politica dell’Italia di Matteo Salvini. Basta un dettaglio, uno solo, per rappresentare l’ambiguità e l’opportunismo del leader del momento. Colui che indossava le magliette “Padania is not Italy”, lo stesso che orgogliosamente rivendicava di non tifare per la Nazionale azzurra, quello che – da ministro – alla Festa della Repubblica non ha cantato l’inno di Mameli, sfoggia oggi a Roma il tanto vituperato tricolore. Cosa non si fa per conquistare voti?

Certo, a Matteo Salvini poco importa degli appunti mossi dai suoi oppositori. Finché il vento gonfierà le vele del consenso, la nave leghista non si incaglierà negli scogli della sua incoerenza.

Eppure la gente, quella vera, quella partita ieri notte coi pullman, quella arrivata stamattina presto coi treni, quella in buona fede e senza i paraocchi, prima o poi chiederà al proprio capo il conto delle sue promesse.

Vorrà sapere come mai il decreto Salvini invece di produrre sicurezza ha creato illegalità. Chiederà perché i soldi del reddito di cittadinanza e di quota 100 non sono stati spesi meglio. E si porrà il quesito dei quesiti. Domanderà se per caso, l’8 dicembre dell’anno 2018, non si sia trovata per sbaglio, per un terribile sbaglio, anziché in Piazza del Popolo nella Piazza del Populista.

Noi non ci saremo

 

Noi non ci saremo l’8 dicembre in Piazza del Popolo a Roma. E quel “noi”,  per quanto scritto da “uno”, ha la pretesa di rappresentare il sentimento di milioni di italiani verso una manifestazione che si propone di celebrare la deriva della politica nostrana. Viva la democrazia, sempre. Ma se Matteo Salvini si è conquistato il diritto di incarnare le speranze di tante persone, questo non vuol dire che presteremo il fianco a ciò che riteniamo il male del Paese.

Noi, quelli che non hanno mai preso una tessera di partito, quelli che alle elezioni votano secondo coscienza e non per ideologia; noi, che non prendiamo un euro se al governo ci va Berlusconi o Di Maio, Renzi o Salvini, noi che non abbiamo alcun interesse se non quello per l’Italia, non ci saremo.

Noi che crediamo ad un’Italia che va avanti, che non torna indietro sulle grandi opere, che non (s)vende il futuro delle prossime generazioni in cambio di qualche voto in più alle Europee, non ci saremo.

Noi, che non ci sentiamo né razzisti né fessi, noi che riteniamo l’Europa casa nostra e per questo vogliamo cambiarla, non lasciarla; noi che siamo stanchi di parole al vento e di promesse in fumo, non ci saremo.

La leggenda vuole che Piazza del Popolo tragga il suo nome dal latino “populus”, pioppo, dal boschetto che Nerone vi fece piantare.

Ecco, noi non ci saremo a celebrare un nuovo Nerone.

Noi che non vogliamo un altro Grande Incendio del Paese.

Noi che amiamo Piazza del Popolo. Non la Piazza dei Populisti.

No, noi no, non ci saremo.