Prima gli essere umani

Illustrazione per Carola Rackete

Quelli che “Carola Rackete ha infranto la legge”, quelli che “come fate a dare contro Salvini anche stavolta?”, quelli che “W la giustizia”, da ieri sera hanno pochi argomenti, meno credibilità e tanto ingiustificato livore. Il gip che ha reso libera la comandante della Sea Watch 3, tenuto conto dell’emergenza a bordo – la cosiddetta “scriminante” che ha portato Carola a forzare il blocco della Guardia di Finanza e ad attraccare a Lampedusa – ha affermato un principio di civiltà. Non vengono prima gli italiani: in ogni caso, sempre, vengono prima gli essere umani. Compresi gli italiani.

Nel commentare la decisione del giudice, Matteo Salvini ha dimostrato ancora una volta i suoi maggiori difetti: la sua tendenza al dispotismo e la sua abitudine a mentire. Partiamo da quest’ultima: ha parlato di un provvedimento di espulsione già pronto per la comandante. Peccato non abbia detto che il pm di Agrigento gli ha già negato il nulla osta necessario ad attuarlo. Di più: Salvini ha dimenticato di dire che il provvedimento di espulsione può essere notificato soltanto in caso di gravi comportamenti sanzionati da un giudice. Cosa che a quanto pare non è successa. Il resto è un copione già visto, già sentito, fatto di attacchi ai giudici soltanto quando non assecondano i suoi desideri. Troppo facile.

Così da ieri Salvini è più debole. Perché il pronunciamento del gip sottolinea una volta per tutte che salvare vite non è reato, oltre che rimarcare l’ovvio: Tunisi e Tripoli non sono porti sicuri (ma va?) e non possono essere considerati tali. Parlare di “criminale”, di “pericolo per la sicurezza nazionale” rispetto ad una ragazza che ha fatto il suo dovere si è dimostrato un grande imbroglio. Un bluff dettato da una narrazione distorta della realtà.

Di falsi dilemmi è piena la nostra agenda politica. Esempio: aiutiamo i terremotati italiani o aiutiamo i migranti? Risposta: aiutiamoli tutti. Perché una cosa non esclude l’altra. Perché non sempre è questione di soldi: il più delle volte è questione di burocrazia, di lungaggini da superare, di organizzazione che manca, di coordinamento assente, di volontà e priorità politiche.

Bisogna sforzarsi di spiegarlo. E’ l’unica medicina contro la Salvinite acuta, il pericoloso male che ha colpito il nostro Paese.

Cosa ci insegna la vicenda Sea Watch 3

L'arresto di Carola Rackete

Carola Rackete è stata arrestata. I migranti sono sbarcati dopo 16 giorni di odissea. Salvini esulta neanche l’Italia avesse vinto i Mondiali (ah già, lui di solito tifa contro la Nazionale).

Cosa ci insegna quanto accaduto?

  • Che in un anno di governo Matteo Salvini non ha risolto il problema immigrazione. Non c’è uno straccio di strategia di ampio respiro, nulla di diverso dall’improvvisazione. Saremo punto e a capo al prossimo barcone. Mentre i barchini continueranno a sbarcare. Nuovi tweet. Nuove parole. Nuova vergogna.
  • Che gli strepiti di Salvini hanno dato un alibi ad un’Europa ingiustificatamente assente (ma mai quanto il nostro ministro dell’Interno alle riunioni in cui si discute di immigrazione). Che siamo sempre più soli.
  • Che gli atteggiamenti di Salvini mettono a repentaglio anche le nostre forze dell’ordine. Si veda l’incidente sfiorato alla banchina di Lampedusa con la motovedetta della Guardia di Finanza. Perché quando alimenti tensione, quando stressi fino all’inverosimile la situazione, non puoi aspettarti lucidità. E senza lucidità rischi che accada l’incidente. E’ così elementare che sorge il dubbio che qualcuno, dalle parti del Viminale, se lo sia persino augurato.
  • Che questa politica dell’odio (non solo Salvini, ma vogliamo parlare del video in cui la Meloni chiede di affondare la nave?) ha creato un clima irrespirabile. Fatevi un giro sulla pagina della Lega in queste ore. Troverete commenti del tipo “Carola, adesso spero che ti stuprino quei negri di m….“.

Chissà se Salvini condannerà anche queste condotte in nome di un ritrovato afflato legalitario. Chissà.

E chissà se l’Italia si sveglia. Prima o poi.

Meglio la capitana del Capitano

Carola Rackete

Non c’è bisogno di essere di sinistra, di ostentare lo slogan “Restiamo umani” in contrapposizione a quello dei “#portichiusi”, per scegliere il lato giusto della storia nella vicenda della Sea Watch 3, per dire “meglio la Capitana del Capitano”. Non siamo amanti delle forzature, delle violazioni delle acque territoriali, ma ad essere violati per primi sono stati i diritti umani di 43 disperati che stanno friggendo da giorni in mare aperto a poche miglia da quello che ritengono un porto amico, un approdo sicuro. Lampedusa.

Matteo Salvini, sappiatelo, lucrerà su questa violazione da parte della comandante della Ong, la 31enne Carola Rackete, ottenendo tanti consensi così come accadde per la Aquarius prima e per la Diciotti poi. Ma la differenza che passa tra un politico e un acchiappa-voti risiede nella capacità di distinguere il giusto dallo sbagliato, sta nel coraggio di assumere decisioni impopolari purché oneste.

La retorica che Salvini diffonde, invece, quella degli italiani che lo pagano per difendere la Patria, si scontra con una domanda semplice, eppure necessaria: “Ma difendere da chi?”. Dalla comandante Carola? Da 43 uomini e donne che fino a pochi giorni fa sono stati torturati e seviziati nelle prigioni libiche?

Il cinismo di chi esibisce i muscoli, di chi promette di schierare la forza pubblica, di chi del “cattivismo” fa un modo di essere, di chi dice “non sbarcano nemmeno a Natale”, dev’essere smontato da una politica intelligente (Europa, dove sei?).

Perché far sbarcare esseri umani in difficoltà è un dovere, è un obbligo prima di tutto morale. Poi comincia un’altra partita: quella dell’accoglienza. Sono due piani distinti, che Salvini e chi gli fa il verso (tipo una Meloni sempre più macchietta che propone di affondare la nave) tentano di mescolare in maniera subdola, ambigua.

Non serve piangere il giorno dopo sulle foto di un padre e una figlia annegati nel tentativo di varcare un confine. Bisogna agire prima.

Il principio dev’essere: salviamoli tutti, accogliamone una parte.

E’ con questa ricetta, seria, onesta, sensata, che si può condividere e alleggerire il peso dei flussi migratori. Perché pensateci bene: un’estate dopo siamo punto e a capo. Salvini avrà pure aumentato i suoi voti, ma di certo non ha risolto il “problema” migranti.